A Malta dopo 10 giorni di "odissea" i migranti salvati dal peschereccio spagnolo

Open Arms racconta di "10 giorni in mare, senza notizie, un'evacuazione in elicottero e un forte temporale, giocando senza scrupoli con la sicurezza delle persone a bordo"

Foto: Twitter/Oscar Camps

L'odissea è finita. I migranti a bordo del peschereccio spagnolo Nuestra Madre de Loreto, bloccato nel Mediterraneo dal 22 novembre scorso, potranno sbarcare a Malta. Stando a quanto riferito dall'ong spagnola Proactiva Open Arms, gli 11 migranti sono già stati trasferiti sulle navi della Guardia costiera maltese.

I 12 migranti a bordo del pescherecchio, provenienti da Niger, Somalia, Sudan, Senegal ed Egitto, erano stati soccorsi al largo della Libia il 22 novembre scorso. Il governo spagnolo aveva inizialmente chiesto alla Libia di accogliere i migranti, interpellando anche i governi di Italia e Malta. Martedì scorso, il capitano della nave, Pascual Dura, aveva detto alla France presse che sia Roma che La Valletta avevano negato l'ingresso ai loro porti.

Ieri l'Alto commissariato Onu per i rifugiati (Unchr) aveva sollecitato una soluzione urgente della vicenda, rimarcando che "alla luce della situazione di insicurezza, degli arresti sistematici e dei gravi rischi per rifugiati e migranti in Libia, l'Unhcr non lo considera un porto sicuro e chiede che non siano forzatamente riportate in Libia le persone soccorse in mare". Due giorni fa la nave di Open Arms ha raggiunto il peschereccio per garantire assistenza medica ai migranti, favorendo il trasferimento a Malta, in elicottero, di uno dei migranti, perchè in condizioni critiche.

Proactiva Open Arms racconta di "10 giorni in mare, senza notizie, un'evacuazione medica effettuata in elicottero e un forte temporale, giocando senza scrupoli con la sicurezza delle persone a bordo".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • .... e regaliamogliela un'isoletta disabitata dove possano vivere senza guerre, se ci riescono....

  • l'invasione inventata riguarda poche decine di persone, cui su nega aiuto in condizioni critiche. Che paese è mai il nostro che dimentica le sofferenze di milioni di nostri emigranti e che, in più, non interviene nemmeno quando i migranti sono in pericolo di vita?

    • Se ne aiuti 10 ne devi automaticamente aiutare 100,1000,10000 Tommaso. E noi ormai siamo un paese che non ha più le condizioni per fare questo. A livello umano può dispiacere ma ci vuole un minimo di legge e ordine altrimenti è una situazione allo sbando come era fino a qualche anno fa.

Notizie di oggi

  • Economia

    Gli italiani non spendono più: ogni giorno chiudono più di 10 negozi

  • Economia

    Parmigiano reggiano... d'Oltralpe: verità (e falsi miti) sul nuovo "caso" Italia-Francia

  • Cronaca

    Casapound a Genova, giornalista picchiato dalla polizia durante scontri con antagonisti

  • Politica

    Abuso d'ufficio, nuova crepa nel governo: cosa prevede la legge che Salvini vuole abolire

I più letti della settimana

  • Giro d'Italia 2019, tutte le tappe: percorso e altimetria

  • Elezioni europee 2019, la guida al voto: tutto quello che c'è da sapere

  • Meteo, sorpresa "amara": ecco quando arriva finalmente il caldo

  • Elezioni europee 2019: le liste e i programmi

  • Prende reddito di cittadinanza e lavora in nero: ora è nei guai (e non solo lui)

  • Reddito di cittadinanza, cambia (quasi) tutto: cosa si potrà acquistare

Torna su
Today è in caricamento