Toyota Yaris GRMN, belva in pista

Solo 400 unità in Europa, già vendute

Alla Yaris il compito di celebrare la nascita di un nuovo brand, nato in Europa, ovviamente all’insegna dello sport e del divertimento: GRMN. Sviluppato dal team Gazoo Racing - che fa correre le Toyota nel Mondiale Rally, a Le Mans e alla Dakar - il modello è stato testato sul circuito del Nürburgring, con l’obiettivo di un’edizione speciale, limitata a sole 600 unità, 400 delle quali per il vecchio continente. Con una vendita online, in meno di 72 ore le vetture sono andate praticamente a ruba. Yaris GRMN, del resto, oggi si attesta come la vettura più potente in questa nicchia di hot hatches.

Grinta e personalità

Il motore è un 1.8 litri da 212 cavalli con compressore volumetrico, sviluppato in collaborazione con Lotus. Scarica sulle ruote anteriori una potenza di 212 cavalli a 6.800 giri al minuto, con una coppia di 250 Nm a 5.000 giri, raggiungendo i 230 km/h massimi (limitati elettronicamente). Lo scatto da 0 a 100 km/h è in soli 6,3 secondi. Sul fronte dei consumi la percorrenza dichiarata è di 7,5 litri per 100 km nel ciclo misto mentre le emissioni di anidride carbonica sono pari a 170 g/km.

Esteticamente, si può riconoscere in strada perché è l’unica Yaris a tre porte prodotta oggi, la sola bianca con tetto cerchi e specchi retrovisori neri. Inoltre, fa il pieno di grinta e personalità, dal frontale allargato con griglia a nido d’ape, ai gruppi ottici con stickers rossi e neri. Il bello però arriva nel retro: lo spoiler sul portellone, l’estrattore equipaggiato di terminale di scarico centrale fanno abbandonare del tutto la visione femminile della Yaris di altri tempi.

Al volante

È cattiva. E pronta a fare la guerra a vetture con anni di storia come Polo Gti e Clio Rs. Il telaio è stato irrigidito e ora vanta una barra stabilizzatrice all’anteriore più larga da 26 mm, inoltre, il differenziale Torsen autobloccante meccanico gestisce al meglio la distribuzione della potenza, riducendo il sottosterzo e aumentando la motricità nell’uscita in curva. L’auto diventa una delle migliori trazione anteriore presenti sul mercato, pronta a divertire anche i meno avvezzi alla pista.   

L’assetto è stato ribassato di 24 mm, gli ammortizzatori Sachs Performance e i cerchi in lega BBS da 17 pollici fanno calare la vettura di 8 kg di peso, su una stazza totale che oggi riesce a raggiungere i 1345 kg. La piccola belva vola, ma nel contempo chi è al volante si sente sicuro, contenuto e piazzato a terra.

Prezzo e vendita

Prezzo al pubblico 29.900 euro. Come anticipato, però, le 400 unità disponibili sono già state messe in vendita a luglio, in contemporanea con l’inizio del Rally di Finlandia. Ad aggiudicarsi le Yaris GRMN solo i più veloci ad iscriversi: per lo più inglesi, francesi e tedeschi. In Italia verranno consegnate solo 5 vetture, lasciando a bocca asciutta altre 15 persone che ne avevano fatto richiesta.

Diverso esito per le Yaris GRMN destinate al Giappone. Le 200 unità arrivate in oriente sono state assegnate, tra tutti gli interessati, per mezzo di un’estrazione a sorte. Come tutte le cose un po’ “speciali”, insomma, non voleva essere solo una questione di soldi…

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Economia

    Il lavoro si cerca da amici e parenti: solo 1 italiano su 4 ricorre al collocamento

  • Elezioni Politiche 2018

    Parlamentarie M5s, le liste dei candidati presentate in un grande evento a Pescara

  • Mondo

    Attacco all'Hotel Intercontinental di Kabul, è una strage: i talebani rivendicano

  • Elezioni Politiche 2018

    Berlusconi: "Forza Italia indicherà il candidato premier del centrodestra"

I più letti della settimana

  • Isola dei Famosi 2018: cast, concorrenti, anticipazioni e tutto quello che c'è da sapere

  • Verissimo: incidente sexy per Alessia Marcuzzi

  • Bonus mobili ed elettrodomestici 2018: come funziona e come ottenerlo

  • Pensioni, perché è quasi impossibile abolire la legge Fornero

  • Sanremo 2018: date, cantanti, canzoni, ospiti e tutto quello che c'è da sapere

  • Chi deve pagare il bollo auto nel 2018 e quanto deve pagare

Torna su
Today è in caricamento