Legge Fornero, Salvini: "Al Governo con chi vuole cancellare la riforma delle pensioni"

Il leader della Lega parla da candidato permier ribadendo la posizione del Carroccio. "Le presidenze di Camera e Senato da assegnare a chi ha vinto le elezioni: Lega e 5 stelle". Poi sull'uscita dall'euro e attacca Draghi: "Nulla è irreversibile"

Per formare il prossimo governo "si parte dalla coalizione di centrodestra, che è quella che ha preso più voti e da un programma che si può ampliare". Lo ha detto Matteo Salvini, a margine dell'ultima giornata della scuola politica della Lega.

"Mi interessa trovare una maggioranza di governo che mi aiuti a cancellare la legge Fornero, a diminuire le tasse e ad arginare una immigrazione senza controllo. Stiamo approntando un programma da offrire a tutti i parlamentari su questi punti".

Per la formazione del governo Matteo Salvini guarda "al centrodestra" e a "chi mette prima della maglietta politica l'interesse del paese". Tuttavia il leader della Lega ha escluso un governo di "inciuci". "Farò tutto quello che è umanamente possibile per rispettare il mandato che gli italiani ci hanno dato, ovvero di andare a fare il presidente del Consiglio, ma senza scendere a patti e rinnegare la nostra Bibbia che è il programma".

"Io non sto smaniando: non mi alzo la mattina o vado a letto la sera dicendo "o faccio il presidente del consiglio o sono un uomo finito". No, io sono a servizio. Se si realizza il programma, bene. Se bisogna inventarsi pateracchi o minestroni, non sono assolutamente a disposizione"

Antonio Tajani, indicato da Berlusconi come candidato premier aveva detto in una intervista al Messaggero: "Rispettiamo che sia la Lega a proporre un candidato per Palazzo Chigi. Credo che sia giusto che governi chi ha preso più voti". 

Salvini: "Camera e Senato a Lega e M5s"

Salvini è tornato anche sul primo tema politico che si troveranno ad affrontare i neoparlamentari, ovvero l'elezioni dei presidenti di Camera e Senato.

"Per le presidenze delle Camere penso che fare il contrario di quello che gli italiani hanno scelto la settimana scorsa sarebbe una follia, e ci sono due forze politiche che hanno vinto le elezioni, non è difficile capire con ci si ragionerà"

Salvini: "L'euro non è irreversibile"

"Mi viene in mente Draghi, quando dice che l'euro è irreversibile. Conoscete qualcosa di irreversibile? Io penso che nulla è irreversibile, specialmente in economia", spiega il leader della Lega alla Scuola di Politica. "Il voto di domenica scorsa - aggiunge- è un segnale di speranza non solo per gli italiani, ma per tutti quei popoli che vogliono rimettere al centro uomini e donne in quanto tali".

"I vincoli Ue? Se ci aiutiamo a crescere li rispettiamo, altrimenti per me quei vincoli valgono zero, prima vengono gli italiani" dice ancora Salvini: "Lunedì saro a Strasburgo - ha aggiunto Salvini - mi hanno detto che ci sono facce tesissime, preoccupatissime per il risultato elettorale in Italia".

Salvini rifiuta l'invito in tv da Fabio Fazio

"Andare da Fazio? No, grazie. Faccio altro". Questa la risposta che Salvini avrebbe riservato a Fabio Fazio dopo l'invito ad essere ospite al programma in onda sui canali Rai. "Mandiamo un bacione a Fazio e alla Litizzetto - ha detto Salvini dal palco della scuola politica della Lega - Non gli mancano ospiti importanti... possono invitare Saviano e Gad Lerner, che cosa gliene frega del piccolo leghista razzista..."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prende il reddito di cittadinanza, ma si "dimentica" di avere 78 auto intestate

  • Enzo Iacchetti sul rapporto con Ezio Greggio: "Tra noi un tacito accordo di buona convivenza"

  • Aumenti in busta paga da luglio 2020: chi può sorridere per il bonus "pieno" di 100 euro

  • In arrivo il bonus Tari: come funziona lo sconto sulla bolletta dei rifiuti

  • Grande Fratello Vip 2020: anticipazioni, cast e cosa c'è da sapere

  • Roberta Girotto, mamma scomparsa: ritrovato il suo corpo nel fiume

Torna su
Today è in caricamento