Carte prepagate e libretti postali nel mirino del Fisco: "Controlli di massa"

Raccogliere informazioni per combattere l'evasione. E' ambizioso il piano che riguarda operatori finanziari, banche, assicurazioni, Poste: tutti dovranno trasferire le informazioni più importanti sui movimenti dei soldi dei clienti

I funzionari del fisco potranno rivedere le attività relative a 39 milioni di conti correnti

Libretti e carte prepagate sono entrati nel mirino del Fisco. Raccogliere informazioni, più informazioni possibile, per combattere l'evasione. E' ambizioso il piano che riguarda operatori finanziari, banche, assicurazioni, Poste: tutti dovranno trasferire all'Agenzia delle entrate le informazioni più importanti sui movimenti dei soldi dei clienti nel giro di poche settimane.

Il Sole24ore stima che 500 milioni di dati, stimati per difetto, finiranno sui server dei "controllori".

I funzionari potranno rivedere le attività relative a 39 milioni di conti correnti. E proprio su questi si concentra il grosso dei dati sui quali l'Agenzia delle entrate vuole concentrare l'attenzione. Banche e poste dovranno comunicare il saldo di dicembre 2015 e quello della fine del 2014, ma non solo: anche il totale degli accrediti e degli addebiti e la giacenza media annua. 

Non sfuggono nemmeno i libretti di risparmio, monitorati come i normali conti correnti e le cassette di sicurezza (quelle censite sono 1,4 milioni). Le banche comunicheranno tutti gli accessi. Monitorati i movimenti sulle carte di tutti i tipi: debito, credito e prepagate. Obbligo di comunicazione sull'utilizzo del plafond di spesa mensile a inizio e a fine anno, il numero totale delle eventuali ricariche e quello degli acquisti. Al fisco, insomma, interessano anche le compere via internet fatte con carte prepagate, magari acquistate per prudenza. 

Come spiega il Giornale, sono da comunicare anche gli acquisti e le vendite di oro. 

Poi anche i prodotti finanziari, come le assicurazioni indicizzate. Ma in questo caso l'interesse del fisco è minore. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ovviamente i contribuenti onesti non hanno nulla da temere.

Fonte: Il Giornale →

In Evidenza

Più letti della settimana

Potrebbe interessarti

Torna su
Today è in caricamento