Melegatti, lo stabilimento riapre con 35 lavoratori: "Ci abbiamo sempre creduto"

Nuova vita per lo storico marchio. Terminate poco più di 24 ore fa le operazioni di cessione della Melegatti. Previste nuove assunzioni nei prossimi mesi

Le proteste dei mesi scorsi dei lavoratori, che hanno sempre sperato in un lieto fine - Ansa

E' un primo passo: si riparte con 35 dipendenti a tempo indeterminato. Sono terminate poco più di 24 ore fa le operazioni di cessione della Melegatti da parte della curatela del Tribunale di Verona

Il noto pandoro veronese, con 124 anni di storia, è di proprietà della famiglia di Roberto Spezzapria, l'imprenditore veneto che con il figlio Giacomo ha rivitalizzato lo storico marchio dolciario italiano che rischiava di scomparire definitivamente. Nel frattempo la società "Sominor srl" si è trasformata in "Melegatti 1894 Spa" e sono stati formalizzati gli incarichi all'interno del consiglio di amministrazione. Giacomo Spezzapria è il presidente della Melegatti e Denis Moro è l'amministratore delegato. Il costo d'acquisto è stato di 13,5 milioni di euro. 

La Melegatti d'ora in poi fa parte di un gruppo alimentare assieme a tre società di packaging, la vicentina "Eriplast", la trentina "Fucine Film" e la modenese "Albertazzi G.". L'integrazione verticale della filiera alimentare consentirà economie di scala e ampliamento di competenze.

I lavoratori: "Ci abbiamo sempre creduto"

La Melegatti riapre e riparte con 35 dipendenti a tempo indeterminato, per lo più ex lavoratori dello storico brand: nei prossimi mesi ulteriori assunzioni sono in programma. Era essenziale, non solo simbolicamente, ripartire in tempo per le feste natalizie, quando il pandoro e il panettono fanno la loro comparsa sulle tavole di milioni di italiani: "Saremo ancor più concentrati sul ritorno del tradizionale pandoro e panettone Melegatti sulle tavole degli italiani. Abbiamo puntato molto sullo sviluppo del territorio e sulla valorizzazione delle sue competenze. Ora la nostra presenza a Natale sarà importante perché dimostra la concreta volontà di ripartire con la tradizione, la qualità e il prestigio di un marchio dolciario unico in Italia e nel mondo", ha dichiarato ieri Giacomo Spezzapria, presidente della Melegatti.

"Ci abbiamo sempre creduto" dicono davanti ai cancelli i dipendenti dell’azienda. 

Melegatti, storia di un fallimento annunciato (ma che forse si poteva evitare)

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Un forte esempio di tenacia intelligenza e coraggio imprenditoriale, e di un patto di fiducia con i dipendenti (senza di loro si sarebbe potuto fare lo stesso?) ....un respiro di fiducia nelle capacità di rinascita italiane ! Bravi ragazzi !!

    • Anche come dice Lei, Elisabetta, e soprattutto grazie a quelle aziende/società che sono intervenute per fare gruppo. Una splendida notizia per i dipendenti e non solo...

Notizie di oggi

  • Cronaca

    A San Ferdinando i braccianti continuano a morire: "La peggiore smentita alle vanterie di Salvini"

  • Politica

    Riace, la Procura di Locri chiede il rinvio a giudizio per Mimmo Lucano

  • Politica

    Sondaggi: Lega sempre più in alto, nuovo calo del M5s. Zingaretti mette la freccia e stacca Di Maio

  • Salute

    Attenzione all'olio di frittura: benzina per il cancro se "riusato"

I più letti della settimana

  • Isola dei Famosi 2019: cast, concorrenti, puntate e tutte le anticipazioni

  • Il duro messaggio di Alessandro Casillo: "Cara Maria, ecco perché ho lasciato Amici"

  • Estrazioni Lotto, SuperEnalotto e 10eLotto: i numeri vincenti di oggi sabato 16 marzo 2019

  • Elezioni europee 2019, la guida al voto: tutto quello che c'è da sapere

  • Carlo Conti confessa: "Ho ripreso al volo mia moglie Francesca"

  • Bocca secca e dolori, per l'ospedale stava bene: 7 indagati per la morte di Alessandro

Torna su
Today è in caricamento