Mattarella: "Siamo sull'orlo di una crisi climatica globale"

Il monito del presidente della Repubblica Sergio Mattarella: "Mai come in occasione della tempesta Vaia è stato chiaro, all'opinione pubblica italiana, che i mutamenti climatici in atto nel mondo comportano effetti pesanti anche sull'ambiente del nostro Paese e sulle condizioni di vita della nostra popolazione"

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

"Siamo sull'orlo di una crisi climatica globale, per scongiurare la quale occorrono misure concordate a livello planetario ". Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella scandisce le parole nel Teatro comunale di Belluno dopo avere reso omaggio alle duemila vittime della tragedia del Vajont del 9 ottobre 1963.

"Gli sforzi compiuti nelle diverse conferenze internazionali, che si sono succedute, hanno, sin qui, conseguito risultati significativi ma parziali e ancora insufficienti".

"È a Belluno, oggi, che avviamo questa riflessione. È giusto farlo sulle Alpi" spiega Mattarella che a Belluno ha incontrato le comunità colpite lo scorso ottobre dalla tempesta Vaia.

"Mai come in occasione della tempesta Vaia è stato chiaro, all'opinione pubblica italiana, che i mutamenti climatici in atto nel mondo comportano effetti pesanti anche sull'ambiente del nostro Paese e sulle condizioni di vita della nostra popolazione".

La lettera del bambino che dona i suoi risparmi per "salvare le montagne"

"Il territorio del nostro Paese è fragile e le conseguenze dell'abbandono dei territori, verificatosi sulle Alpi e sugli Appennini, vengono pagate, a caro prezzo, anche dagli insediamenti urbani e produttivi in pianura". Lo ha sottolineato il presidente della Repubblica: "Occorre proseguire sulla strada di iniziative per la salvaguardia degli assetti idro-geologici. Queste iniziative sono state ampiamente delineate dal Parlamento in questi decenni ed è necessario un impegno condiviso delle istituzioni ai vari livelli per svilupparli e attuarli concretamente".

"La tutela ambientale e idro-geologica è amica delle persone, ne salvaguarda la vita e difende così il futuro delle nostre comunità, accompagnata, come deve essere, da un uso razionale e sostenibile delle risorse esistenti nell'area - ha concluso Mattarella - Il rilancio di una politica per la montagna e le popolazioni che la abitano va non solo nella direzione della effettiva affermazione della eguaglianza fra i cittadini della Repubblica, ma rappresenta una sfida per il recupero pieno di aree abbandonate o sottoutilizzate, preziose per il processo di crescita dell'Italia".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Iniziate a fermare le scie chimiche che ogni giorno ci avvelenano

Potrebbe Interessarti

  • Cronaca

    Occupano casa e sfrattano la proprietaria: "Tu qui dentro non sei più nessuno"

  • Politica

    "Non siamo più terroni di m...a?": selfie-agguato a Salvini (che la prende malissimo)

  • Tv

    Perché Gemma e Tina si odiano: la verità sulla loro rivalità a Verissimo

  • Elezioni europee 2019

    "UE!": la (spassosissima) canzone di Lorenzo Baglioni sul voto e l'Unione europea

Torna su
Today è in caricamento