Sesso e dintorni, il dottore risponde

Sesso e dintorni, il dottore risponde

Il sesso nell’età avanzata

Foto di archivio Ansa

E' ormai certo che l’attività sessuale nella terza età aumenta la qualità della vita. Questo dato, di cui intuivamo già l’esistenza, è stato confermato da uno studio inglese pubblicato sulla rivista Sexual Medicine. Questo studio ha interessato circa 4000 uomini e 4000 donne con un’età media intorno ai sessant’anni. Sono state prese in considerazione numerose variabili, dallo stato socio-economico allo stato di salute, all’uso di farmaci e uso e abuso di fumo e alcool. I problemi nell’attività sessuale e i diversi comportamenti sessuali sono poi stati notificati in un questionario autocompilato andando anche ad analizzare il benessere individuale e l’autostima.

Da questo studio è emerso che sia gli uomini che le donne che riferivano il mantenimento di un’attività sessuale erano più felici rispetto alle coppie sessualmente meno attive. Per l’uomo una percezione di vita migliore e quindi un miglioramento della qualità della vita è associata perlomeno a due rapporti mensili. La donna enfatizza maggiormente i preliminari che non il rapporto in sé. L’uomo ha dimostrato nei questionari più paure e preoccupazioni per la sua performance erettile, per quanto riguarda la rigidità e il mantenimento della stessa, con pensieri anche al desiderio e all’orgasmo. Le donne invece manifestano maggiori preoccupazioni per quanto riguarda lo stato di eccitazione e il raggiungimento dell’orgasmo.

Per quanto riguarda la qualità della vita, il punteggio più alto è stato dato alla necessità di sentirsi vicino al proprio partner. Da questo, l’importanza per ogni uomo di avere un proprio andrologo di riferimento con la finalità di migliorare l’aspetto della propria salute sessuale e anticipare e prevenire le interferenze dell’andropausa.

Sesso e dintorni, il dottore risponde

Il Dottor Andrea Militello è specialista Andrologo e Urologo. Perfezionato in ecografia urologica e andrologica, esperto in urodinamica, docente presso l’Università Federiciana in scienze urologiche e revisore delle riviste internazionali Central European Journal of Urology e Hormone and Metabolic Research Journal. Vincitore nel 2014 del Doctoralia Awards e nel 2018 del premio MioDottore Awards quale andrologo urologo più apprezzato in Italia. È perfezionato in chirurgia ricostruttiva implantologica protesica in andrologia e in seminologia con particolare riguardo alla fisiopatologia della riproduzione umana. Svolge attività chirurgica ma dedica anche molto tempo e passione all’attività ambulatoriale avendo alle spalle oltre 60.000 visite eseguite presso le città di Roma, Viterbo, Avezzano e Cosenza. Attivo per passione sul Web. www.andrologiamilitello.it

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
Today è in caricamento