Mercoledì, 2 Dicembre 2020

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, il Sud Italia si prepara all'onda d'urto dei contagi

Esercito in strada. De Luca: feste laurea? Mandiamo lanciafiamme

Milano, 21 mar. (askanews) - "Mi arrivano notizie che alcuni ragazzi vorrebbero preparare la festa di laurea, mandiamo i carabinieri, ma li mandiamo con i lanciafiamme".

Il Sud si prepara all'onda d'urto di un possibile picco di contagi da coronavirus Sars-Cov2 e non va per il sottile il governatore della Campania, Vincenzo De Luca che prepara nuovi ospedali Covid-19 e si appresta a bloccare tutti i servizi non essenziali nella regione per limitare il dilagare del contagio. De Luca chiede la militarizzazione del Paese e come lui la pensano tanti altri governatori delle regioni meridionali.

In Sicilia Musumeci ha già chiesto all'Esercito di rinforzare i controlli per limitare la circolazione e indurre la popolazione all'isolamento domiciliare, coma ha spiegato ad askanews Ruggero Razza, assessore regionale alla Salute.

"L'appello a tutti - ha detto - è rimanere il più possibile a casa. Quando leggete che in alcuni Paesi il contagio è stato più contenuto, ciò si è verificato perché sono state realizzate delle modalità di condotta di vita stringenti".

Intanto si allestiscono nuovi ospedali e si rinforzano le terapie intensive. Come in Puglia, dove i casi di contagi continuano a salire. A Castellaneta una violazione del protocollo da parte di un medico ha creato un nuovo focolaio, motivo per cui il governatore Emiliano insiste con l'appello: restate a casa.

"Le persone più deboli e più anziane sono in gravissimo pericolo - ha detto - è per loro che stiamo facendo tutto questo. Stiamo in casa chiusi a lavorare a fare tutto il necessario per evitare di perdere i più deboli di noi. Perché questo avvenga dobbiamo difendere gli ospedali e fare in modo che le strutture sanitarie possano curarli come si deve anche se gli ammalati saranno tantissmi".

Si parla di

Video popolari

Coronavirus, il Sud Italia si prepara all'onda d'urto dei contagi

Today è in caricamento