Giovedì, 15 Aprile 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, la terapia intensiva a Bergamo con i militari russi

Ventilatori prodotti da Mosca e dispositivi tedeschi

Milano, 6 apr. (askanews) - Alpini e russi questa volta combattono insieme contro un nemico comune. È stata completata la dotazione delle unità di terapia intensiva, in cui i team medici russi e italiani lavoreranno a Bergamo su pazienti con infezione da coronavirus. Ecco in queste immagini i ventilatori Aventa di produzione russa di cui askanews ha parlato per prima, oltre ai test e alla messa a punto di tutte le apparecchiature installate. Comprese le pompe a perfusione Agilia della multinazionale Fresenius Kabi, con sede in Germania.

A partire dai prossimi giorni, gli specialisti inviati da Mosca, in base a un accordo tra il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il leader del Cremlino Vladimir Putin, si occuperanno dei pazienti italiani in queste 2 unità di terapia intensiva dell'ospedale da campo degli alpini, 24 ore al giorno, secondo tre turni.

Ma la presenza di militari russi su territorio italiano ha generato fortissime polemiche e una reazione molto dura del portavoce della Difesa russa Igor Konashenkov. Ancora un altro punto di vista viene espresso da questo volontario:

"Io penso che sia la cosa più bella che due Paesi possano fare, soprattutto una cooperazione sulla sanità, che non è quella militare, ma è salvare la gente. E questa è la cosa più bella e io sono felice della presenza russa, come posso essere felice della presenza cinese o di quella americana. Il mondo e l'umanità si aiuta per difendersi: questa è la cosa importante".

L'ospedale ha 142 posti letto. Vi lavoreranno oltre 200 specialisti italiani e russi. Secondo la Farnesina i russi hanno portato 150 ventilatori polmonari già in parte donati all'ospedale Giovanni XXIII e all'ospedale presso la Fiera di Milano.

Si parla di

Video popolari

Coronavirus, la terapia intensiva a Bergamo con i militari russi

Today è in caricamento