Giovedì, 4 Marzo 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Corsi di programmazione per rifugiati: coding e inclusione

Powercoders in arrivo a Milano aiuta anche digitalizzazione Paese

Milano, 26 gen. (askanews) - Digitalizzazione del Paese e inclusione. Sono le due missioni di Powercoders, l'accademia di programmazione informatica per rifugiati, in arrivo anche a Milano. Cosa è e come funziona lo ha spiegato Stella Gianfreda, Social Lead Powercoders Italia. "Powercoders è una accademia di programmazione informatica per rifugiati che nasce in Svizzera nel 2017. In italia arriva nel 2019 ed è un progetto gestito da Fgs social innvation onlus, con il supporto di Reale foundation, Fondazione italiana Accenture, la collaborazione del Comune di Milano, di Unhcr, di Lenovo".

Il debutto a Milano dal 1 febbraio "e sarà tutto da remoto grazie alla piattaforma IdeaTRE60 di Fondazione Accenture", ha aggiunto. "Abbiamo ricevuto più di 100 candidature e abbiamo formato una classe di 20 studenti da moltissimi paesi: Siria, Afghanistan, Pakistan, Nigeria."

Gli studenti imparano i principali linguaggi della programmazione e incontrano aziende e startup nel settore dell'It per tirocini di sei mesi.

"Abbiamo visto con il progetto a Torino che ha funzionato benissimo - ha spiegato Carlotta Sami, portavoce Unhcr Italia - alcune imprese sono poi entrate nel percorso più ampio per l'integrazione dei rifugiati a cui partecipano centinaia di aziende, grazie alle quali migliaia di rifugiati hanno trovato occupazioni assolutamente dignitose e delle quali sono estremamente felici".

Fra i partecipanti dei corsi di Torino, Asem Alakabani. "Powercoders ha cambiato la mia vita", ha detto, raccontando la sua storia di ex soldato dell'esercito siriano fuggito in Libano, a piedi, poi arrivato in Italia grazie ai corridoi umanitari. Senza documenti "non potevo studiare, lavorare, anni buttati via. Loro in 6 mesi mi hanno dato una serie di conoscenze per andare avanti e trovare un lavoro e integrarmi in questa nuova vita. Quello che mi hanno dato va molto oltre le parole".

Si parla di

Video popolari

Corsi di programmazione per rifugiati: coding e inclusione

Today è in caricamento