Giovedì, 13 Maggio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il mito, lo spazio e il tempo: la pittura di Giuseppe Buzzotta

A Palermo la mostra la Caduta di Fetonte nello spazio L'Ascensore

Milano, 26 feb. (askanews) -

+++ inviato file caduta di fetonte +++

+++ sono bruttine, lo so +++

Palermo, 25 feb. (askanews) - Una pittura che nasce dal confronto con il mito classico e approda a una tensione biologica, di libertà e difesa della libertà. Sono queste alcune delle suggestioni che vengono evocate dalla mostra di Giuseppe Buzzotta, la "Caduta di Fetonte", che è ospitata a Palermo nello spazio L'Ascensore.

ups

0.57-1.07

"E' proprio l'idea di spostarsi dentro questi spazi ignoti - ha spiegato l'artista - facendolo però all'interno di una struttura di conoscenze".

Conoscenze, appunto, che sono uno dei temi del lavoro di Buzzotta, che affronta, con la sua pittura, le questioni dello spazio e del tempo, nel loro non essere entità assolute, nel loro non corrispondere a quella sensazione di immediatezza percettiva con i quali normalmente pensiamo di averle decifrate. E, guardano i dipinti, la curatrice Elsa Barbieri ci apre altre possibili strade interpretative.

ups

0.18 - 0.40

"Nascono da una serie di riflessioni sui campi di forza - ha detto - sulle interconnessioni, e da un esempio, quello del vento, che noi non possiamo conoscere, e dalla ricostruzione della caduta di Fetonte".

La mostra palermitana è aperta al pubblico sempre su appuntamento fino all'8 aprile.

+++

TESTO PULITO

+++

Palermo, 25 feb. (askanews) - Una pittura che nasce dal confronto con il mito classico e approda a una tensione biologica, di libertà e difesa della libertà. Sono queste alcune delle suggestioni che vengono evocate dalla mostra di Giuseppe Buzzotta, la "Caduta di Fetonte", che è ospitata a Palermo nello spazio L'Ascensore.

"E' proprio l'idea di spostarsi dentro questi spazi ignoti - ha spiegato - facendolo però all'interno di una struttura di conoscenze".

Conoscenze, appunto, che sono uno dei temi del lavoro di Buzzotta, che affronta, con la sua pittura, le questioni dello spazio e del tempo, nel loro non essere entità assolute, nel loro non corrispondere a quella sensazione di immediatezza percettiva con la quale normalmente pensiamo di averle decifrate. E, guardano i dipinti, la curatrice Elsa Barbieri ci apre altre possibili strade interpretative.

"Nascono da una serie di riflessioni sui campi di forza - ha detto - sulle interconnessioni, e da un esempio, quello del vento, che noi non possiamo conoscere, e dalla ricostruzione della caduta di Fetonte".

La mostra palermitana è aperta al pubblico sempre su appuntamento fino all'8 aprile.

Si parla di

Video popolari

Il mito, lo spazio e il tempo: la pittura di Giuseppe Buzzotta

Today è in caricamento