Lunedì, 19 Aprile 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Non voglio cambiare pianeta", docutrip in bici per Jovanotti

Il racconto della pedalata di 4000 km arriva su RaiPlay

Milano, 22 apr. (askanews) - Un viaggio avventuroso, un format inededito pieno di natura e musica, Jovanotti sorprende ancora una volta il suo pubblico e con una pedalata di 4000 km arriva in esclusiva su RaiPlay. S'intitola "Non voglio cambiare pianeta" il docutrip musical-avventuroso in sedici puntate di Lorenzo Cherubini, online dal 24 aprile sulla piattaforma digitale della Rai. Un viaggio nel viaggio: musiche, parole, panorami, salite, discese e tanto sudore per condividere l'avventura umana e sportiva vissuta pochi mesi fa tra Cile e Argentina. Un'impresa in solitaria, prima che lo stare soli fosse un'impresa da vivere tutti insieme. "Tra gennaio e febbraio scorsi ho fatto un viaggio in bicicletta nell'altra parte del mondo - ha dichiarato Lorenzo durante una affollata conferenza stampa via zoom - sono tornato e il mondo era diventato un altro mondo. Quando sono tornato, a Fiumicino mi hanno misurato la febbre e ho capito che la situazione era drammatica, e allora mi sono chiuso in casa e ho deciso di fare qualcosa con questo materiale". 60 ore di girato in soggettiva realizzato con una Go-pro e un cellulare sono diventati un programma a puntate per riflettere sulla natura e sull'umano in modo divertente e spontaneo.

"Ho fatto un viaggio per cercare un po' di isolamento nella natura. Sono tornato e mi sono trovato dentro ad un altro isolamento, questa volta obbligato dalla natura stessa. Ho fatto un viaggio per prepararmi al futuro, e sono tornato impreparato a questo presente, ma ripensando a quei 4000 km a pedali mi rendo conto che neanche uno di quei km è andato perduto, perché mai come oggi è chiaro a tutti che la nostra vita è un grande viaggio pericoloso nell'ignoto, anche stando chiusi in casa".

Da Santiago del Cile a Buenos Aires, attraverso deserti, coste oceaniche, parchi nazionali, le Ande, le Pampas, i villaggi sperduti e la grande città. "Viaggiare è sempre stata una grande passione, dopo il Jova Beach Party mi sentivo alla fine di una cosa ma anche all'inizio di qualcosa di nuovo. Questa avventura è il negativo fotografico del Jova Beach Party, un docutrip che racconta di me e faccio fatica a vedere questi due format addosso ad altri".

Si parla di

Video popolari

"Non voglio cambiare pianeta", docutrip in bici per Jovanotti

Today è in caricamento