Lunedì, 10 Maggio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Roma in bici: una rivoluzione tranquilla con tanta strada da fare

Più facile muoversi nella città semivuota

Roma, 21 apr. (askanews) - Qualcuno la chiama la rivoluzione tranquilla; certo nell'anno del Covid, con tante meno automobili in giro, a Roma le biciclette si sono moltiplicate. Due ruote estratte dalle soffitte o supertecnologiche a pedalata assistita, anche di servizi in condivisione: nonostante i sette colli, nella capitale non sarebbe così difficile andare in giro, perché ampie zone del centro sono in piano.

Valeria Picchi è una neoconvertita: "Non siamo in Danimarca, è proprio una forma mentis che dobbiamo acquisire. Pian piano ci riusciremo, noi siamo una generazione di transizione".

I problemi dei ciclisti a Roma, più che le salite, sono le strettoie per i perpetui lavori in corso, i temibili sampietrini che scivolano solo la pioggia e scuotono i telai.

E poi naturalmente le piste: a parte quella storica lunghissima sulle banchine del Tevere e poche altre più recenti, troppe le ciclabili semplicemente disegnate sull'asfalto. Roberto Scacchi, responsabile regionale di Legambiente: "Erano stati annunciati 150 km di piste ciclabili l'anno scorso, ne sono stati costruiti 15. Sono in costruzione ancora ma sono sempre temporanee, come questa, senza delimitazioni, e sempre con il pericoloso delle vetture parcheggiate o in corsa".

Intanto anche grazie al bonus biciclette, affari d'oro per i negozi degli appassionati delle due ruote. Giulio Maselli, per esempio: "Nell'ultimo anno le cose sono cambiate, c'è grande interesse da parte di tutti, non solo per fare sport, ma anche per spostarsi per lavoro, per i ragazzi".

Ma se girare nel semilockdown è più facile, i ciclisti temono il prossimo ritorno del leggendario traffico romano, la difficile convivenza in primo luogo con le automobili: "Abbiamo visto l'anno scorso cosa è successo dopo la riapertura, l'anno scorso gran parte delle persone ha ricominciato a prendere la macchina".

Si parla di

Video popolari

Roma in bici: una rivoluzione tranquilla con tanta strada da fare

Today è in caricamento