Domenica, 18 Aprile 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Strigliata della sindaca ai carabinieri su manifestazione Lgtb

E' successo a Lizzano, in Puglia: militari chiamati dal parroco

Roma, 15 lug. (askanews) - Una preghiera "per implorare il fallimento del ddl contro l'omotransfobia": è l'iniziativa del parroco di Lizzano, in provincia di Taranto, che ha sollevato polemiche e la protesta dei locali attivisti Lgtb (il movimento di lesbiche, gay, bisessuali e transgender), scesi in piazza davanti alla chiesa del paese per protestare. Il prelato ha risposto chiamando i carabinieri che giunti sul posto hanno cominciato a chiedere i documenti ai manifestanti per identificarli.

A quel punto è scesa in campo la sindaca del comune pugliese, Antonietta D'Oria, che ha redarguito i militari insistendo sul fatto che quello di manifestazione è un diritto dei cittadini. "Perché non identificate chi sta partecipando alla preghiera" anti-gay? ha chiesto la sindaca ai carabinieri, i quali hanno precisato che le procedure di identificazione non sono da confondere con l'arresto. Una spiegazione che non ha però convinto la prima cittadina e molti partecipanti alla manifestazione, secondo cui l'identificazione avrebbe un sicuro effetto intimidatorio.

Si parla di

Video popolari

Strigliata della sindaca ai carabinieri su manifestazione Lgtb

Today è in caricamento