Asso di denari

Asso di denari

Tempi e modalità per pagare l’imposta di successione

Un’eredità può essere come un fulmine a ciel sereno, ma di certo non c’è alcuna sorpresa negli adempimenti che occorre espletare per pagare l’imposta di successione che grava sull’eredità stessa, a prescindere dal fatto che si erediti per testamento o secondo i criteri di legge (che scattano quando non c’è testamento).

L’imposta va saldata entro 3 anni dalla dichiarazione di successione (o entro 5 anni, se la dichiarazione è omessa), che deve essere resa da eredi o legatari (oppure curatori, esecutori testamentari o trustee, in caso di trust) all’Agenzia delle Entrate entro 12 mesi dal decesso del titolare dei beni. La dichiarazione è un modulo, reperibile sul sito dell’Agenzia e trasmissibile anche in via telematica con apposito programma, da compilare con i dati del defunto e degli eredi, dei beni che passano in eredità, delle quote di proprietà su questi beni in caso di più eredi. La dichiarazione di successione non è dovuta se eredi sono soltanto il coniuge e i parenti in linea retta e se il valore dell’attivo ereditario, in cui non devono comparire immobili, è inferiore a euro 100.000,00.

L’imposta viene calcolata e richiesta dall’Agenzia delle Entrate a seguito della presentazione di dichiarazione di successione. Va pagata entro 60 giorni dal ricevimento della comunicazione, con la presentazione di F24.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La tassa di successione può essere rateizzata purché la richiesta venga fatta contestualmente al versamento della prima rata (da farsi sempre entro 60 giorni dal ricevimento dell’avviso relativo). Chi eredita può versare subito il 20% della tassa e chiedere per il resto una rateizzazione in 8 rate trimestrali o in 12, se l’importo supera i 20.000 euro. Il mancato pagamento di una o più rate fa perdere la possibilità di proseguire nel pagamento rateizzato e l’importo residuo viene interamente iscritto a ruolo, per una riscossione forzata, con aggiunta di spese, interessi ed eventuali sanzioni.

Asso di denari

" Un po' come la legge di gravità e le leggi della fisica in generale, l'economia ci appare spesso come un limite, una gabbia, tanto che qualcuno l'ha anche definita ""la scienza triste"". Ma per l'economia, come per la fisica, il manto di grigiore che l'avvolge davanti agli occhi dell'ordinary man, l'uomo qualunque, può essere squarciato e regalare l'immensa sorpresa di un universo tutto da scoprire, dove non esistono solo vincoli ma anche opportunità. Così come, pur senza essere un angelo e senza avere ali, scoprendo le leggi della fisica l'uomo ha sfruttato l'opportunità di riuscire a volare, così - ed è quello che ci prefiggiamo con questo blog - affrontando l'economia senza timori, ciascuno può provare a divenire un asso. Non un asso dell'aviazione ma un asso di denari "

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento