Domenica, 28 Febbraio 2021

Chiude la mostra del fotografo Sturges: è accusato di pornografia

L'esposizione fotografica dell'artista americano allestita al centro Mosca è stata considerata “manifestazione pubblica di materiale pedo-pornografico” e perciò chiusa dopo poche ore

Jock Sturges (Youtube)

La mostra degli scatti del famoso fotografo americano Jock Sturges allestita al "Centro Fratelli Lumiere' di Mostra è stata chiusa dopo che le immagini sono valse all'artista l'accusa di pedo-pornografia. La decisione è stata presa dopo che alcuni attivisti conservatori ne avevano bloccato l'accesso e un uomo - poi fermato dalla polizia - è entrato nell'edificio fingendosi un giornalista e ha gettato un mix di urina e acetone sui lavori del fotografo americano. 

Nonostante l'esposizione fosse già vietata ai minori di 18 anni, i militanti della Ong 'Ufficiali di Russia' hanno impedito con la forza l'ingresso ai visitatori per verificare di persona "l'eventuale presenza di contenuti di pedofilia" nelle foto esposte.

Anton Tsvetkov, il capo dell'organizzazione 'Ufficiali di Russia' e membro della Camera pubblica russa, ha spegato che "se giudicato secondo la nostra legge il lavoro di Sturges può esser ritenuto un crimine. Anche se le foto che hanno causato indignazione pubblica non sono presenti nella mostra non è affatto giusto collocare a soli tre minuti dal Cremlino, nel cuore di questo paese, questo fotografo pedofilo". 

"È una vera e propria propaganda della pedofilia" ha tuonato la senatrice Elena Mizulina, nota per le sue posizioni ultraconservatrici, denunciandoo la "manifestazione pubblica di materiale pedo-pornografico" come una violazione del codice penale. 

"Sono molto triste, perchè Mosca si presenta come una città del XXI secolo" ha commentato Jock Sturges, artista 69enne molto controverso per la sua attitudine a fotografare adolescenti in ambientazioni naturalistiche: "Si tratta dei miei vicini, dei miei amici che ho fotografato nel corso di 40 anni" - ha precisato - "Queste foto sono state pubblicate in gallerie e musei di tutto il mondo e nessuno vi ha visto pornografia".

L'artista 69enne è un personaggio piuttosto controverso anche in patria. Negli anni '90 il suo studio fu perquisito dagli agenti dell'Fbi che ne avevano confiscato l'attrezzatura, ma allora nessuna accusa fu formulata a suo carico. E neppure nel 1998, quando l'Alabama e il Tennessee tentarono di classificare il suo nuovo libro come pornografia infantile, si riuscì a dare seguito ai sospetti. 

twet-2


Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiude la mostra del fotografo Sturges: è accusato di pornografia

Today è in caricamento