rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Lavoro d'oro

Ferrari show: maxi-bonus di 12mila euro a ogni dipendente

Grazie ai buoni risultati registrati dalla casa di Maranello nel 2021 i dipendenti Ferrari riceveranno un premio risultato di 12mila euro, il più alto della storia dell'azienda

La Ferrari non conosce crisi, sfreccia veloce anche in piena pandemia. Grazie ai buoni risultati registrati dalla casa di Maranello nel 2021, arriva una bella sorpresa per i dipendenti, anzi direi ottima. Un premio competitività record da 12mila euro, mai visto prima. L'annuncio è stato dato dai sindacati dopo un incontro con l'azienda per la verifica degli obiettivi annuali. 

Premio di competitività record per i dipendenti Ferrari

Il premio da 12mila euro per i dipendenti Ferrari è il più altro della storia della casa di Maranello. "L’anno scorso Ferrari ha prodotto 11.155 auto, un livello mai raggiunto in passato – dichiara il segretario generale della Fim Cisl Emilia Centrale Giorgio Uriti – Grazie anche agli eccellenti indicatori economici e di qualità, il premio sarà di 11.535,45 euro lordi, anche se quasi quattro lavoratori su cinque supereranno i 12 mila euro. Poiché l’anno scorso ai lavoratori Ferrari è stato erogato un anticipo di complessivi 4.600 euro (2mila a gennaio, 1.300 a giugno e 1.300 euro a ottobre), nel prossimo mese di aprile riceveranno un conguaglio di 6.935,45 euro (oltre 7mila euro per quasi quattro lavoratori su cinque)". A gioire più di tutti sono gli addetti della gestione sportiva, grazie ai 235 euro in più rispetto agli altri dipendenti, nonostante la Ferrari non abbia vinto il premio costruttori. Premio più ricco anche per i lavoratori della gestione tecnica. Il bonus risultati varia da lavoratore a lavoratore anche in base al numero di assenze dal lavoro: con zero ore il premio aumenta del 7% (per un totale di 12.392,43 euro), da 1 a 64 ore è comunque garantito il 100% (11.535,45 euro).

Ferrari eccelle anche sul mercato del lavoro

Si tratta di un "premio sfidante per l'azienda, ma più che soddisfacente per i lavoratori", dichiara il sindacalista della Cisl, ricordando che un premio così alto è anche frutto della contrattazione. "Abbiamo concordato con l’azienda di non calcolare le assenze causate dalla pandemia – spiega Uriti – Inoltre per il quarto anno consecutivo, come fortemente richiesto da Fim, Uilm e Fismic, Ferrari non ha assorbito gli aumenti del contratto nazionale. Questo si traduce in un’ulteriore erogazione alle maestranze. A proposito di lavoratori, accogliamo con soddisfazione l’aumento dell’occupazione in Ferrari. Già nelle settimane scorse sono state stabilizzate decine di lavoratori in somministrazione".

Ferrari, utili e ricavi in aumento nel 2021

Ferrari ha chiuso il 2021 con risultati finanziari positivi, schivando la pandemia e la crisi dei chip. Ha chiuso l'anno con un utile netto in crescita del 37% a 833 milioni di euro e con ricavi in aumento del 23,4% a 4.271 milioni. "I risultati finanziari record del 2021 dimostrano ancora una volta la forza del nostro modello di business - ha commentato l'amministratore delegato Benedetto Vigna - Abbiamo gestito attentamente una raccolta ordini impressionante, in linea con la nostra strategia volta a perseguire una crescita controllata e a preservare l'esclusività del marchio. Abbiamo registrato una crescita a doppia cifra superiore alla nostra guidance su tutti i principali indicatori finanziari e un margine dell'Ebitda ancora più eccezionale che ha toccato il livello record del 35,9%. In questa fase di forte slancio guardiamo con entusiasmo alle prossime opportunità e al nostro Capital Markets Day del 16 giugno a Maranello, dove illustreremo i nostri piani per il futuro".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ferrari show: maxi-bonus di 12mila euro a ogni dipendente

Today è in caricamento