Lunedì, 17 Maggio 2021

Pubblici esercizi, negozi e botteghe "aperti per crisi" nell'estate del coronavirus

Ad agosto il 55% delle attività di vicinato rinuncia alla chiusura estiva secondo un sondaggio condotto da Swg per Confesercenti. Le città deserte ad agosto sono un ricordo di un passato lontano: si prova a recuperare un po' di liquidità

Le città deserte ad agosto sono un ricordo di un passato lontano. Ancor più nell'anno della pandemia. Pubblici esercizi, negozi e botteghe aperti per crisi. Questo agosto, il 55% delle attività di vicinato rinuncia alla chiusura estiva, soprattutto le attività delle Isole (68%) e del Centro (61%). A tenere le saracinesche alzate, in particolare, saranno le imprese nelle località turistiche; più chiusure, invece, fra le imprese di quartiere delle città medie e grandi, svuotate dalle ferie dei residenti. Ma saranno comunque stop di breve durata: solo 6 su 100, a livello nazionale, fermeranno l'attività più di due settimane nel mese.

È quanto emerge da un sondaggio condotto da Swg per Confesercenti su un campione di attività di vicinato - commerciali, artigianali, turistiche e pubblici esercizi - in oltre 250 comuni di tutta Italia. Le imprese che rimangono aperte cercano di recuperare un po' di liquidità dopo un anno difficile: l'89% degli intervistati dichiara di aver chiuso il primo semestre dell'anno con fatturati in netto calo rispetto allo stesso periodo del 2019, con una perdita media del 31%. Solo il 6% ha registrato un aumento, mentre un ulteriore 5% ha resistito, mantenendo un livello di vendite invariato.

A livello regionale, a indicare le riduzioni di fatturato più consistenti sono le attività del Nord Ovest, Lombardia in testa, dove l'emergenza Covid è stata più intensa: in media, in questa area del paese, il 69% delle imprese dichiara un crollo delle vendite superiore al 30% nei primi sei mesi dell'anno. E luglio, purtroppo, non ha portato l'inversione di tendenza attesa: in media, il 74% delle imprese ha rilevato un andamento delle vendite insoddisfacente o molto insoddisfacente, mentre solo il 26% sembra aver agganciato il 'rimbalzo'. L'incidenza degli insoddisfatti/molto insoddisfatti varia profondamente a livello territoriale: a raccogliere i risultati peggiori, stavolta, sono le regioni delle Isole (84%) e del sud (81%), che mostrano una ripartenza più lenta. Passando all'articolazione dimensionale, la sofferenza più elevata si evidenzia tra le imprese senza dipendenti (76% di insoddisfatti/molto insoddisfatti).

Tra le cause delle cattive performance, gli imprenditori individuano soprattutto le restrizioni imposte dall'emergenza sanitaria, indicate dal 62%. In seconda posizione, tra le problematiche più segnalate con il 21%, il generale rallentamento dei consumi. Una situazione critica che porta molte imprese a valutare la cessazione definitiva dell'attività. Il 7% lo sta già facendo: una quota che, rapportata al totale di imprese, si tradurrebbe in circa 50mila chiusure. Un ulteriore 45% teme di dover considerare la cessazione, invece, se la situazione di incertezza dovesse protrarsi.

''Le attività del commercio, del turismo e della somministrazione, così come botteghe e servizi di vicinato, non hanno ancora agganciato il rimbalzo'', commenta Confesercenti. ''Il Dl Agosto porta misure importanti: bene l'intervento a beneficio delle imprese dei centri storici delle città d'arte, particolarmente colpiti dal rallentamento economico causato dall'emergenza. La crisi, però, non è ancora alle spalle. Servirà intervenire ancora a sostegno delle piccole imprese, o in autunno la situazione di instabilità farà sentire i propri effetti''.

Quattro micro imprese su 10 rischiano di chiudere (non solo a causa Covid)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pubblici esercizi, negozi e botteghe "aperti per crisi" nell'estate del coronavirus

Today è in caricamento