rotate-mobile
Mercoledì, 24 Aprile 2024
Lavoro

A Prato in arrivo il modello di delivery con lavoratori dipendenti di Just Eat: 25 posizioni aperte per lavorare come rider con un contratto di lavoro subordinato

Comunicato stampa


(Adnkronos) - La Toscana è ancora protagonista nel percorso di crescita del mercato della consegna di cibo a domicilio. Just Eat apre nuove posizioni grazie alle quali implementa il proprio modello di delivery con rider dipendenti


Milano, 26 maggio 2023. Just Eat (www.justeat.it), parte di Just Eat Takeaway.com, uno dei leader mondiali nel mercato della consegna di cibo a domicilio, sta per portare anche a Prato il proprio modello di delivery incentrato sull'assunzione dei rider con contratto di lavoro subordinato. Nella città toscana, oltre ai 140 rider già operanti sul territorio regionale, sono partite le candidature per 25 posti di lavoro come rider, inquadrati come lavoratori dipendenti ai quali verrà applicato il CCNL del settore Logistica, Trasporto, Merci e Spedizioni, grazie all’accordo raggiunto nel marzo 2021 da Just Eat e le organizzazioni sindacali FILT CGIL, FIT-CISL e UIL, che ha permesso di arrivare al primo contratto collettivo aziendale per inquadrare i rider.


Prato è la quarta città della Toscana ad implementare tale modello, dopo Firenze, Pisa e Livorno, in linea con la volontà di Just Eat nel proseguire in un percorso di investimento sulle persone e sul territorio, creando nuovi posti di lavoro, generando opportunità a sostegno della crescita del mercato del digital food delivery e migliorando il livello del servizio. A Prato sono 80 i ristoranti partner che hanno scelto il digital food delivery con Just Eat nel 2022. Un dato importante che si inserisce all’interno del più ampio contesto positivo registrato nella Regione, dove sono 1.500 i ristoranti che hanno attivo il servizio con Just Eat tutti in tutti i capoluoghi di Provincia.


«Entro giugno porteremo anche a Prato il nostro modello di delivery con lavoratori dipendenti. Con questa nuova apertura raggiungeremo un altro importante traguardo in quanto saremo presenti in 30 città italiane, continuando il percorso di implementazione di un modello nel quale crediamo fortemente e che vogliamo espandere il più possibile sull’intero territorio. In questo contesto, la nostra volontà è di agire come attore responsabile impegnato a garantire tutele e diritti per i rider, con l’auspicio che il nostro impegno possa avviare un percorso di regolamentazione più puntuale del settore, perché dare dignità ai lavoratori rispettando il loro lavoro si traduce anche in benefici per l’intero territorio e in un servizio migliore per i ristoranti partner e per i clienti.» dichiara Daniele Contini, Country Manager di Just Eat Italia.


LE ASSUNZIONI A PRATO


A Prato sono aperte 25 nuove posizioni per entrare a far parte della squadra Just Eat ed essere inquadrati con contratto di lavoro subordinato, che garantisce i diritti sindacali e il trattamento economico e normativo previsto dall’accordo sindacale siglato nel 2021. Il contratto offerto prevede l’applicazione di festività, lavoro straordinario, ferie, malattia, maternità/paternità secondo quanto regolamentato dal CCNL. La retribuzione segue le tabelle previste dal CCNL con un compenso orario superiore a 9 euro sino alla maturazione di un’anzianità lavorativa della durata complessiva di due anni. Ad un salario orario di partenza di 8,75 euro si aggiungono i bonus per ordine e l’accantonamento del TFR, oltre alle eventuali maggiorazioni per il lavoro supplementare, straordinario, festivo e notturno. A Prato sono previsti diversi regimi orari di part time (da 10, 15 o 20 ore), i turni vengono pianificati mediante un’app dove il rider dà la sua disponibilità per la settimana successiva e Just Eat, considerando la preferenza, procede alla pianificazione della settimana lavorativa. Sono previste inoltre indennità a titolo di rimborso chilometrico per l’utilizzo del proprio mezzo per le consegne, ciclomotore o bicicletta, e l’applicazione piena e integrale delle norme vigenti in materia di salute e sicurezza e consegna di tutti i DPI previsti dalla normativa vigente, e dotazioni di sicurezza gratuite come casco, indumenti con inserti ad alta visibilità e indumenti antipioggia e zaino per il trasporto del cibo. Inoltre, in aggiunta alle coperture assicurative fornite dagli istituti di previdenza ed assistenza pubblici (INPS e INAIL), a tutti i dipendenti sarà fornita un’assicurazione nel caso si verifichi un incidente grave sul lavoro. In più, verrà offerto ai rider assunti un training dedicato con 12 ore di formazione base e specifica sulla professione e sul tema salute e sicurezza, quali parti integranti del lavoro e regolarmente retribuite, insieme a una visita medica periodica di idoneità al lavoro.


Ci si può candidare attraverso la pagina dedicata https://www.justeat.it/rider inserendo le proprie informazioni personali, guardando un video esplicativo sul ruolo di rider e rispondendo ad alcune domande. Il candidato può fornire, inoltre, le informazioni relative al mezzo per le consegne, l’indicazione delle proprie preferenze per i turni di lavoro e i documenti necessari all’assunzione. I candidati verranno valutati singolarmente e successivamente contattati per partecipare ad una sessione online conoscitiva sull’azienda e sul ruolo del rider e avranno la possibilità di chiedere informazioni ai recruiter.


IL DIGITAL FOOD DELIVERY A PRATO


Più di 80 ristoranti da cui è possibile ordinare attraverso Just Eat, e 16 tipologie di cucine diverse. Questi i dati chiave di Prato, dove secondo una ricerca Just Eat, al primo posto tra le cucine più apprezzate troviamo l’intramontabile pizza, seguita dall’hamburger e, al terzo posto, dalla cucina giapponese. Tali tendenze sono state rilevate anche a livello regionale secondo la Mappa del cibo a domicilio, giunta alla sesta edizione. Tra i piatti più ordinati in città spiccano, nell’ordine, la pizza Margherita, gli involtini primavera e i ravioli alla griglia. Tra le cucine piu’ in crescita a livello regionale, troviamo il poke al primo posto, seguito da pasta e riso e dolci.


A proposito di Just Eat


Just Eat (www.justeat.it) è parte di Just Eat Takeaway.com, uno dei leader mondiali nel mercato del digital food delivery. È presente in Italia dal 2011 e oggi opera con oltre 28.000 ristoranti partner in più di 2.000 comuni. Just Eat è accessibile da pc e da mobile tramite l’app dedicata o la versione mobile del sito, per garantire a tutti un’ampia varietà di cucine tra cui scegliere.


Just Eat Takeaway.com:


Just Eat Takeaway.com (LSE: JET, AMS: TKWY) è uno dei leader mondiali nel mercato del digital food delivery. Con sede ad Amsterdam, la società mette in contatto clienti e ristoranti partner attraverso la propria piattaforma. Con oltre 692.000 ristoranti partner, Just Eat Takeaway.com offre un'ampia varietà di scelta. Just Eat e Takeaway.com è rapidamente cresciuto fino ad affermarsi come leader nel mercato dell'online food delivery con attività negli Stati Uniti, Regno Unito, Germania, Paesi Bassi, Canada, Australia, Austria, Belgio, Bulgaria, Danimarca, Francia, Irlanda, Israele, Italia, Lussemburgo, Nuova Zelanda, Polonia, Slovacchia, Spagna, Svizzera.


Media:


JUST EAT ITALIA - PR & CORPORATE COMMUNICATION MANAGER: vanessa.saverino@justeattakeaway.com


PRESS OFFICE JUST EAT MSL GROUP: justeat-corporatepr@mslgroup.com



laura.piovesan@mslgroup.com mob. 335 739 0159 / martina.donida@mslgroup.com mob. 348 616 6256


In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Prato in arrivo il modello di delivery con lavoratori dipendenti di Just Eat: 25 posizioni aperte per lavorare come rider con un contratto di lavoro subordinato

Today è in caricamento