rotate-mobile
Lunedì, 23 Maggio 2022
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il nuovo video che dimostra le violenze sui civili a Bucha

La registrazione è stata fatta da un drone e fornita dal nazionalista russo Sergei "Botsman" Korotkikh, il cui gruppo sta combattendo dalla parte dell'Ucraina

Il collettivo di giornalisti indipendenti russi Meduza è entrato in possesso di filmati che dimostrerebbero che i civili di Bucha siano stati uccisi mentre le truppe russe erano in città. La registrazione è stata fatta da un drone e fornita a Meduza dal nazionalista russo Sergei "Botsman" Korotkikh, il cui gruppo sta combattendo dalla parte dell'Ucraina. Korotkikh è una persona interessante in questa storia, poiché i giornalisti filo-russi accusano Botsman ed il suo gruppo di essere coloro che hanno ucciso i residenti di Bucha il 31 marzo o il 1° aprile, quando le truppe russe avevano lasciato la città. Botsman sostiene che i suoi combattenti hanno regolarmente filmato le posizioni russe nelle zone meridionali di Bucha con il loro drone.

Il nuovo video che dimostra le violenze sui civili a Bucha

Si tratta di prove alternative alle immagini satellitari di Maxar usate dal New York Times che documentano la presenza di truppe russe a Bucha al momento in cui i civili sono stati uccisi. Sono tre gli argomenti principali che permettono a Meduza di affermare con sicurezza che il video pubblicato è stato girato prima che le truppe russe si ritirassero da Bucha:

  1. l'equipaggiamento militare russo è chiaramente visibile in diverse riprese e in giorni diversi; 
  2. file contengono metadati dettagliati, compresi i dati sull'ora delle riprese; 
  3. l'analisi delle ombre astronomiche dell'immagine confermerebbe tali dati.

Pertanto il primo video che riprende i cadaveri distesi sulla strada non può essere stato ripreso dopo il 26 marzo 2022. Il ritiro dei russi sarebbe poi inziato il 29 marzo. 

In queste registrazioni è possibile vedere i corpi delle persone uccise che giacciono in via Yablonska, così come in diverse altre strade vicine di Bucha. Meduza ha geolocalizzato la posizione dei corpi e coincide pienamente con quella che gli agenti della polizia ucraina e i giornalisti hanno filmato e fotografato da terra l'1 ed il 2 aprile 2022, dopo che le truppe russe si sono ritirate dalla città. È importante notare che tutti i cadaveri, così come ripresi dal drone, giacciono non solo negli stessi posti, ma nelle stesse pose delle riprese da terra.

Si parla di

Video popolari

Il nuovo video che dimostra le violenze sui civili a Bucha

Today è in caricamento