Asso di denari

Asso di denari

Chi apre un bar o ristorante chiude entro 5 anni

Crearsi un lavoro aprendo un ristorante non è spesso un grande affare, secondo quanto Unioncamere-Infocamere segnala sulla base dei dati del Registro delle imprese italiane.

Tre ristoranti o bar su quattro aperti negli ultimi 5 anni hanno chiuso e per oltre il 46% di loro la chiusura è giunta prima dei 3 anni di attività.

A Firenze era attivo ancora dopo 5 anni il 57% dei ristoranti mentre i bar sembrano avere vita facile soprattutto a Roma, dove il 49% degli esercizi supera i 5 anni di attività.

La vita dei nuovi ristoranti è particolarmente difficile a Torino: qui le chiusure tra il primo e il terzo anno di attività sono stati pari al 47,4% delle nuove aperture nello stesso arco di tempo. Seguono Napoli, con 35 chiusure ogni 100 nuove aperture, Milano e Firenze, con percentuali rispettivamente del 32% e del 25%.

Dal 2011 a fine 2015 sono stati aperti 31mila nuovi esercizi, con un incremento di aperture del 10% su tutto il territorio nazionale. Alla fine del 2015 nel settore della ristorazione si contavano 367mila attività: 197mila ristoranti e 170mila bar/caffetterie. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Lombardia primeggia con 56.964 tra bar (27.679) e ristoranti (29.285), seguita da Lazio (40.355 di cui 22.430 ristoranti e 17.925 bar) e Campania (32.899: 17.754 attività di ristorazione e 15.145 bar). Nell’ultimo quinquennio è la Sicilia ad aver messo a segno la crescita più marcata (+15%, trainata dal settore della ristorazione +16%), seguita dalla Campania (+14% , con una punta del +15% per i bar) e dall’Umbria (+12%, spinta dai bar +13% ).

Asso di denari

" Un po' come la legge di gravità e le leggi della fisica in generale, l'economia ci appare spesso come un limite, una gabbia, tanto che qualcuno l'ha anche definita ""la scienza triste"". Ma per l'economia, come per la fisica, il manto di grigiore che l'avvolge davanti agli occhi dell'ordinary man, l'uomo qualunque, può essere squarciato e regalare l'immensa sorpresa di un universo tutto da scoprire, dove non esistono solo vincoli ma anche opportunità. Così come, pur senza essere un angelo e senza avere ali, scoprendo le leggi della fisica l'uomo ha sfruttato l'opportunità di riuscire a volare, così - ed è quello che ci prefiggiamo con questo blog - affrontando l'economia senza timori, ciascuno può provare a divenire un asso. Non un asso dell'aviazione ma un asso di denari "

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • anche perchè sono un po' troppo numerosi

  • Chiudono tutte la attività che hanno guadagnato. Le attività che ancora non hanno guadagnato ovviamente rimangono aperte per raggiungere lo scopo.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento