Crolla il prezzo del petrolio: "Ora rapido abbassamento dei prezzi della benzina"

Lo chiede Uecoop, l’Unione europea delle cooperative, in relazione alla brusca caduta dell’oro nero sui mercati internazionali: "No ai soliti ritardi sul costo del pieno, l'Italia è nella top ten dei paesi più cari al mondo per benzina e diesel"

"Stop al caro benzina con un rapido abbassamento dei prezzi alla pompa" dopo il crollo delle quotazioni internazionale del petrolio. E’ quanto chiede Uecoop, l’Unione europea delle cooperative, in relazione alla brusca caduta dell’oro nero sui mercati internazionali con il Wti che perde a New York il 5,12% a 50,74 dollari al barile e il Brent che cala del 3,55% scendendo sotto i 60 dollari al barile, a 59,77 dollari, per la prima volta da gennaio. Una situazione – afferma Uecoop – che adesso si deve trasferire senza i soliti ritardi sul costo del pieno in Italia che è nella top ten dei paesi più cari al mondo per la benzina e per il diesel secondo l’analisi su dati Globalpetrolprices.

In 20 anni prezzi benzina cresciuti del 75 per cento

Negli ultimi venti anni i prezzi della benzina sono cresciuti del 75,9%, il diesel ha registrato un rialzo del 47,7% e il GPL del +49,9%. Un rifornimento self service – spiega Uecoop su dati Quotidiano Energia – costa 1,624 euro al litro per la benzina e 1,511 euro al litro per il diesel, ma ovviamente si tratta di valori medi mentre sul territorio nazionale ci sono prezzi superiori anche di diversi centesimi al litro a seconda che si vada in una stazione servita oppure che si faccia il pieno in autostrada con picchi di 1,823 euro al litro per la benzina e di 1,727 sul diesel negli impianti delle grandi compagnie. Pesante secondo Uecoop "l’impatto delle tasse che nell’ultimo anno hanno inciso per il 63% sul prezzo al dettaglio della benzina e per il 59,5% per quello del gasolio: in pratica ogni volta che un automobilista si ferma alla stazione di servizio per un pieno da 55 litri lo Stato si mette in tasca oltre 48 euro sul diesel e più di 55 euro sulla benzina, fra accise e Iva.

Coldiretti: "Crollo del prezzo del petrolio è una opportunità per la ripresa economica"

Il crollo del prezzo del petrolio è una opportunità per la ripresa economica in un Paese come l’Italia fortemente dipendente dall’estero per il fabbisogno energetico. E’ quanto afferma la Coldiretti nel commentare il crollo delle quotazioni al barile di Brent e WTI. Il crollo del prezzo del petrolio – sottolinea la Coldiretti – deve fare sentire il suo effetto anche sulla spesa degli italiani con il minor costo dei carburanti al quale si aggiungono le economie da realizzare sull’elettricità, sul gas e sulle altre forme di energia che incidono pesantemente sulla produzione, la conservazione e la distribuzione del cibo in un Paese come l’Italia dove l`85% dei trasporti commerciali avviene per strada. Occorre però fare in modo che i risparmi generati nei costi per effetto del calo del prezzo petrolio si trasferiscano effettivamente nelle pompe e nelle bollette.

Benzina, prezzi giù (ma durerà?): ecco perché fare previsioni a lungo termine è impossibile

Benzina, i ribassi ci sono: per ora minimi

Non si placano i ribassi sulla rete carburanti italiana. Con le quotazioni dei prodotti petroliferi in Mediterraneo tornate a flettere con decisione, specialmente sul gasolio, Tamoil ha tagliato infatti oggi di 2 centesimi i prezzi raccomandati di benzina e diesel e Q8 è scesa di 1 centesimo su entrambi i carburanti. Continua ad allungarsi, di conseguenza, l'andamento in discesa dei prezzi praticati sul territorio. In particolare, in base all'elaborazione di Quotidiano Energia dei dati alle 8 di ieri comunicati dai gestori all'Osservaprezzi carburanti del Mise, il prezzo medio nazionale praticato in modalità self della benzina è pari a 1,618 euro/litro, con i diversi marchi che vanno da 1,615 a 1,628 euro/litro (no-logo a 1,602). Il prezzo medio praticato del diesel è a 1,504 euro/litro, con le compagnie che passano da 1,502 a 1,517 euro/litro (no-logo a 1,488). Quanto al servito, per la verde il prezzo medio praticato è di 1,752 euro/litro, con gli impianti colorati che vanno da 1,728 a 1,820 euro/litro (no-logo a 1,648), mentre per il diesel la media è a 1,642 euro/litro, con i punti vendita delle compagnie tra 1,629 e 1,724 euro/litro (no-logo a 1,535). Il Gpl, infine, va da 0,628 a 0,659 euro/litro (no-logo a 0,629).

benzina-9-4

Carburanti, sì al tavolo tecnico al Mise

"Quella della riapertura del Tavolo tecnico di Confronto al Mise con le organizzazioni dei gestori del settore della distribuzione dei carburanti è un’ottima notizia.  Siamo soddisfatti dall'importanza data dal Ministero a questo importante settore e soprattutto per il lavoro che metterà in campo per la razionalizzazione della rete e contrasto all'illegalità e concorrenza sleale anche con strumenti tecnologici. Il tavolo, che si è già riunito il 28 maggio scorso, ha approfondito già diversi temi come la normativa del sottocosto, l’efficientamento e la tracciabilità della rete distributiva, il controllo sui prezzi con l’ausilio della guardia di finanza e l’introduzione di sanzioni per inadempienze relative ad accordi collettivi o per utilizzo di contratti non previsti da normativa”. Così in una nota Massimiliano De Toma, Lucia Scanu, Rachele Silvestri, Luca Sut, Andrea Vallascas portavoce del MoVimento 5 Stelle in commissione Attività produttive a margine dell’interrogazione presentata ieri a Montecitorio.

“Per il MoVimento 5 Stelle il tema della lotta all'illegalità nel settore è fondamentale e siamo contenti che il Ministero si sia espresso a favore dell'utilizzo di nuove tecnologie da applicare nel controllo e tracciamento del carburante in tutte le fasi della filiera e per la lotta e il monitoraggio alla forte evasione e illegalità registrata nel settore. Nei prossimi giorni presenteremo anche una risoluzione in Parlamento sul tema che sarà da supporto al lavoro già in corso al MiSe con i tavoli aperti sulla contraffazione”, conclude il deputato del MoVimento 5 Stelle.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In arrivo una lettera dell'agenzia delle entrate per 700mila italiani

  • Temptation Island Vip 2019: puntate, coppie e tutte le anticipazioni

  • Salvini-Renzi, "polveri bagnate" e poche sorprese nel confronto tv: chi ha vinto

  • Ora solare 2019, quando scatta il cambio: il tempo stringe

  • Sciopero dei benzinai: per due giorni "senza" stazioni di servizio

  • Estrazioni Lotto, SuperEnalotto e 10eLotto di giovedì 17 ottobre 2019: i numeri vincenti

Torna su
Today è in caricamento