rotate-mobile
Domenica, 16 Giugno 2024
Lo studio

"Corrotti e criminali": in Italia crollano gli investimenti esteri

Il rapporto del Censis è un bagno di sangue. In cinque anni investimenti esteri giù del 58%. Colpa di corruzione, scandali politici e criminalità. Quei soldi favorirebbero la ripresa

ROMA - Una volta, in un tempo non troppo lontano, l'Italia era il Belpaese. Una terra di poeti, santi e navigatori. Oggi, in un tempo drammaticamente vicino, i rottami del Belpaese sono terra di malaffare, corruzione, scandali politici, criminalità organizzata e inefficienza della pubblica amministrazione. Così, evidentemnte, l'estero guarda all'Italia. Tanto che negli ultimi cinque anni, dal 2007 al 2013, i capitali esteri hanno fatto il possibile - e l'impossibile - per fuggire da Roma. Il calo è stato drammatico: -58% di investimenti esteri. 

A dare l'ennesima mazzata alla già malandata Italia è il Censis, nel sesto numero del "Diario della stransizione". "Gli investimenti diretti esteri nel nostro Paese sono stati pari a 12,4 miliardi di euro nel 2013 - si legge nel report -. I momenti peggiori sono stati il 2008, l’anno della fuga dei capitali, e il 2012, l’anno della crisi del debito pubblico". E, viene sottolineato, si tratta di investimenti "che potrebbero rilanciare la crescita e favorire l’occupazione".

"La crisi ha colpito tutti i Paesi a economia avanzata - spiega il Censis -, ma l’Italia si distingue per la perdita di attrattività verso i capitali stranieri. Nonostante sia ancora oggi la seconda potenza manifatturiera d’Europa e la quinta nel mondo, il nostro Paese detiene solo l’1,6% dello stock mondiale di investimenti esteri, contro il 2,8% della Spagna, il 3,1% della Germania, il 4,8% della Francia, il 5,8% del Regno Unito". Cosa differenzia l'Italia dal resto del mondo? Lo "stile". 

"La reputazione - chiarisce il rapporto Censis - è un fattore decisivo per favorire la competitività di un Paese. Ma l’Italia ha un deficit reputazionale accumulato negli anni a causa di corruzione diffusa, scandali politici, pervasività della criminalità organizzata, lentezza della giustizia civile, farraginosità di leggi e regolamenti, inefficienza della pubblica amministrazione, infrastrutture carenti".

"L’Italia occupa il 65esimo posto nella graduatoria mondiale dei fattori determinanti la capacità attrattiva di capitali per un Paese - si legge ancora -, considerando le procedure, i tempi e i costi necessari per avviare un’impresa, ottenere permessi edilizi, allacciare un’utenza elettrica business o risolvere una controversia giudiziaria su un contratto. Siamo ben lontani dalle prime posizioni di Singapore, Hong Kong e Stati Uniti, ma anche da Regno Unito e Germania, posizionati rispettivamente al 10° e al 21° posto. In tutta l’Europa solo Grecia, Romania e Repubblica Ceca presentano condizioni per fare impresa più sfavorevoli delle nostre. Per ottenere tutti i permessi, le licenze e le concessioni di costruzione, in Italia occorrono mediamente 233 giorni, 97 in Germania. Per allacciarsi alla rete elettrica servono 124 giorni in Italia, 17 in Germania. Per risolvere una disputa relativa a un contratto commerciale il sistema giudiziario italiano impiega in media 1.185 giorni, quello tedesco 394".

Non è un bagno di sangue, però. Anche se poco ci manca. Il Censis sottolinea infatti che non è tutto da buttare: l’Italia è l’11esimo esportatore al mondo, con una quota del 2,7% dell’export mondiale. Ed è ancora un Paese che attrae persone: l’Italia è infatti la quinta destinazione turistica al mondo, con più di 77 milioni di stranieri che varcano ogni anno le frontiere. Bisognerebbe controllare le loro facce quando vanno via. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Corrotti e criminali": in Italia crollano gli investimenti esteri

Today è in caricamento