Venerdì, 23 Aprile 2021

Quali sono gli Stati migliori per lavorare all’estero?

Ecco alcuni Stati che offrono interessanti opportunità professionali

L’Italia ti sta stretta? Hai l’esigenza di prendere un aereo e partire? Ebbene, il mondo è grande e vario, con tante mete da poter prendere seriamente in considerazione. Se anche tu stai pensando di cambiare vita, di cercare un nuovo lavoro e di costruire il tuo futuro all’estero, sappi che nonostante tutto, ci sono dei luoghi, delle città, delle realtà in cui è più facile trovare un buon lavoro e dove il costo della vita è più basso. Ecco alcuni Stati che offrono interessanti opportunità professionali.

Trasferirsi all’estero: una scelta molto importante

Praticamente tutti, almeno una volta nella vita, siamo stati tentati di partire, di andare all’estero per iniziare una nuova ed emozionante vita. Spesso, a tanti italiani, il nostro Paese sta stretto. Sono tanti i giovani che decidono di fare esperienze di vita in altri Stati, animati da grinta, curiosità ma anche la voglia di costruirsi un futuro migliore, pieno di occasioni ed opportunità. Molto probabilmente se stai leggendo queste righe è perché anche tu stai pensando di fare il grande passo. Ricordati che avventurarsi in una nuova esperienza all’estero non è una scelta da farsi su due piedi in maniera frettolosa. Non si tratta di un gioco o di una gita di piacere. Fare le valige e trasferirsi all’estero è un atto di coraggio ma anche di determinazione, di decisione e deve essere fatto in maniera responsabile. Una volta che hai capito di voler andare via, devi decidere dove. Ebbene la meta di destinazione è molto importante, perché è proprio li che ti appresti a costruire e basi del tuo futuro. Prima di scegliere il luogo in cui iniziare una nuova vita, devi essere ben informato sulle opportunità professionali, lo stile di vita, le caratteristiche della popolazione e tanto altro ancora. Scelta non facile ma del tutto personale, in quanto dipende anche dalle motivazioni che ti portano a lasciare l’Italia.

Perché trasferirsi all’estero?

Prima di compiere il grande passo, fermati un attimo e rispondi a questa domanda: perché voglio trasferirmi? Come accennato in precedenza, sono tante le motivazioni che spingono una persona a lasciare il proprio Paese. Non è tutto, in quanto i motivi dipendono anche dall’età. Sicuramente un giovane laureato si trasferirà all’estero per motivi diversi rispetto ad un pensionato o ad una famiglia con figli. Tuttavia, nella maggior parte dei casi, le motivazioni che spingono un soggetto a prendere un aereo e partire sono:

  • trovare un lavoro migliore;
  • migliorare la qualità della vita;
  • godere di un costo della vita più basso e contenuto;
  • avviare un’attività imprenditoriale in un luogo con bassa tassazione;
  • godersi la pensione in posti dove si riesce a vivere con poco.

Sono queste le motivazioni che spesso spingono gente di differente età a lasciare il proprio Paese. Andare all’estero, può diventare un’occasione, tutto sta a te, e al saper scegliere la meta giusta in grado di rispondere alle tue esigenze personali. Chi decide di andare via è per fare un passo in avanti e migliorare la propria situazione. Ecco alcune mete che potresti prendere in considerazione.

Australia

L’Australia è uno tra i luoghi in cui incominciare una nuova vita. Sono tane le opportunità lavorative che il mercato offre, senza rinunciare alla modernità. Il Paese vanta di una ricca e stabile economia, in grado di assicurare delle importanti e rilevanti opportunità a livello professionale, con stipendi medio-alti che ti permetteranno di vivere in maniera dignitosa. Anche se stiamo parlando di un luogo moderno ed occidentalizzato, ci sono ancora molte figure professionali e servizi mancanti, che solo ora si stanno sviluppando. Lo spazio non manca per chi vuole diventare imprenditore ed avviare la propria attività. Ovviamente, per fare tutto questo, devi conoscere bene la lingua inglese, requisito ormai indispensabile se decidi di uscire fuori dall’Italia.

Thailandia

Ti piace il sole, le spiagge, il caldo e la gente allegra? La Thailandia sta aspettando proprio te. Un luogo paradisiaco, in cui il costo della vita non è alto. Molte le opportunità di lavoro e per chi vuole avviare una personale attività imprenditoriale. Tanto per fare un esempio, qui riuscirai a vivere in maniera dignitosa con il minimo sindacale di 800-900 euro al mese. Una villetta ti costerà intorno i 300 euro al mese, cifre assolutamente impensabili in Italia. Ed ancora, potrai mangiare il miglior cibo a poco, senza rinunciare alla vita metropolitana (se sei abituato alle grandi città). Il settore turistico offre interessanti occasioni di lavoro, soprattutto agli stranieri che decidono di approdare in questa meravigliosa terra. Unica pecca il sistema sanitario e le condizioni igieniche in alcuni luoghi.

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quali sono gli Stati migliori per lavorare all’estero?

Today è in caricamento