Il papà che ogni mattina si tuffa nel fiume Adda alla ricerca del corpo della figlia scomparsa

La commovente storia del padre della 15enne Hafsa, spinto dalla forza della disperazione. “Non posso rimanere a casa ad aspettare”, racconta

Lo scorso primo settembre una ragazza di appena 15 anni, Hafsa, è stata inghiottita dalle acque del fiume Adda a Sondrio e il suo corpo non è stato ancora ritrovato. 

Quando è successa la tragedia suo padre non c’era, si trovava in Marocco, sua terra d’origine. Da quanto è tornato in Italia non ha pensato ad altro che a ritrovare il corpo della figlia. Un video diventato virale lo ha ritratto mentre cammina e nuota nel fiume, seguendo la corrente. Uno spettacolo straziante che ormai si ripete tutti i giorni, mentre dalla riva la gente gli grida di stare attento e che spesso nuotatori esperti sono stati traditi dalle insidie di quel fiume. 

“Mi sto dando da fare per trovare Hafsa e spero che ci sia qualcuno che con buona volontà voglia mettersi a disposizione per aiutarmi. Io mi avvicino al fiume, a volte ci entro anche, rimanendo vicino ala riva. So nuotare bene e non vogliono correre rischi, ma spero di trovare Hafsa, che magari è incagliata da qualche parte. O spero di essere lì quando il fiume la restituirà. Non posso rimanere a casa ad aspettare”, sono le parole del padre della 15, raccolte da La provincia di Sondrio. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sabato scorso sono state interrotte le ricerche massive della 15enne, spiega il quotidiano, quelle ciò che hanno visto coinvolte per diversi giorni vigili del fuoco, guardia di finanza e protezione civile. In questi giorni, tuttavia, i vigili del fuoco controllano comunque il fiume, gli anfratti, i luoghi in cui potrebbe essere rimasta incastrata. In gommone e a piedi. “Devo ringraziare i ricercatori, che sicuramente hanno fatto un buon lavoro, ma non sono riusciti a trovare mia figlia. E io non posso smettere di cercarla”, dice il papà di Hafsa, che ogni giorno in bicicletta raggiunge il Sentiero Valtellina e scende poi fino alle rive dell’Adda. 

Fonte: La Provincia di Sondrio →

In Evidenza

Più letti della settimana

Potrebbe interessarti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento