rotate-mobile
Domenica, 16 Giugno 2024
Europei

Euro 2012, Croazia: Bilic cerca l'ennesimo 'sgambetto' agli Azzurri

Croati mai battuti dall'Italia, affrontano un girone proibitivo con il ruolo di outsider. Occhi puntati sulla stella Modric, che Ferguson vuole portare a Manchester a suon di milioni.

 La Croazia è una delle poche Nazionali che può vantare il privilegio di non aver mai perso contro l'Italia. Dal novembre del 1994, ad oggi, su cinque gare disputate, gli slavi hanno prevalso 3 volte concedendo agli Azzurri due miseri pareggi, uno peraltro in amichevole. Per la verità una gara l'Italia la vinse, nel brevissimo periodo in cui fu costituito lo stato della Croazia, posto sotto l'egida della Germania Nazista. Era il 1942 e la nazionale guidata da Vittorio Pozzo vinse per 4 a 0. Ma se consideriamo il vero stato della Croazia esistente dal 1991, ovvero dalla proclamazione della sua indipendenza dalla Jugoslavia, allora l'imbattibilità degli slavi nei confronti con la nostra nazionale, è ancora intatta.  

L'ALLENATORE - Quella in Polonia ed Ucraina, sarà l'ultima avventura di Slaven Bilic sulla panchina della nazionale croata. Il tecnico ha già annunciato il suo addio e siederà, alla fine dell'Europeo, sulla panchina della Lokomotiv Mosca con cui ha firmato un accordo di tre anni. Come calciatore è cresciuto nell'Hajduk di Spalato con cui chiuderà la carriera nel 2001. In mezzo tre anni al Karlsruher (dal 1993 al '96),  una stagione al West Ham e altri tre anni all'Everton (dal 1997 al 2000). Ha anche vestito 44 volte la maglia della nazionale croata con la quale conquistò lo storico terzo posto ai Mondiali di Francia '98. Dal 2006 è commissario tecnico della Nazionale.

IL PERCORSO - Il pressoché perfetto girone disputato dalla Grecia, ha costretto la Croazia a disputare i playoff, dove la nazionale di Bilic ha affrontato la Turchia. Dopo aver strapazzato i turchi in casa loro per 3 a 0 (reti di Olic, Mandzukic e Corluka), il pari a reti bianche ha di fatto consegnato agli uomini di Bilic il pass per gli Europei.

LA STELLA - E' Luka Modric è il giocatore più rappresentativo della Croazia. Fisico minuto ma grande visione di gioco e tecnica sopraffina, che ne fanno uno dei centrocampisti più forti d'Europa. Leader del centrocampo del Tottenham che dovrà anche quest'estate resistere agli assalti delle altre squadre inglesi, Chelsea e soprattutto Manchester United.

CONSIGLI PER GLI ACQUISTI - Praticamente impossibile pensare ad un approdo di Modric in Italia, considerata l'elevatissima valutazione che ha fatto il Tottenham, 35 milioni di sterline, cifra inavvicinabile. Ha da poco compiuto trent'anni ma Dario Srna, in scadenza di contratto con lo Shakthar Donetsk, può essere un vero affare, terzino destro bravo in entrambe le fasi e utilizzabile anche come esterno alto. Da tenere d'occhio Ivan Perisic, centrocampista mancino in forza al Borussia Dortmund, corsa, piedi buoni e ottimi numeri in fase di realizzazione, non ha un costo spropositato, ma ad ora sembra difficile che i tedeschi possano rinunciarci.

Euro 2012, le foto ufficiali degli stadi

LA ROSA - Il difensore Dejan Lovren del Lione, è fuor di dubbio il nome più altisonante tra gli assenti. Fuori per infortunio, il difensore del Lione è stato sostituito da Jurica Buljat del Maccabi Haifa. Sorprende anche l'assenza di Sime Vrsaljko, terzino destro della Dinamo Zagabria, che piace a tante squadre di Premier League. Bilic ha convocato 8 difensori, 8 centrocampisti e 4 attaccanti, tra i quali c'è anche Eduardo, ex Arsenal ora in forza allo Shaktar. Non ci sarà invece Ivica Olic, appena approdato al Wolfsburg; per lui un infortunio muscolare rimediato in amichevole contro la Norvegia che gli farà saltare l'Europeo. Al suo posto Bilic ha richiamato Nikola Kalinic del Dnipro. La Croazia si disporrà con un classico 4-4-2. Da decidere solo la collocazione di Rakitic e Modric, spesso alternati nel ruolo di esterno sinistro e di regista di centrocampo. Le quattro punte sgomiteranno per conquistare i due posti in avanti. Ecco l'elenco completo dei convocati: Portieri: Stipe Pletikosa (FC Rostov), Ivan Kelava (GNK Dinamo Zagreb), Danijel Subašić (AS Monaco FC) Difensori: Jurica Buljat (Maccabi Haifa FC), Vedran Ćorluka (Tottenham Hotspur FC), Danijel Pranjić (FC Bayern München), Gordon Schildenfeld (Eintracht Frankfurt), Josip Šimunić (GNK Dinamo Zagreb), Darijo Srna (FC Shakhtar Donetsk), Ivan Strinić (FC Dnipro Dnipropetrovsk), Domagoj Vida (GNK Dinamo Zagreb) Centrocampisti: Milan Badelj (GNK Dinamo Zagreb), Tomislav Dujmović (FC Dinamo Moskva), Ivo Iličević (Hamburger SV), Niko Kranjčar (Tottenham Hotspur FC), Luka Modrić (Tottenham Hotspur FC), Ivan Perišić (Borussia Dortmund), Ivan Rakitić (Sevilla FC), Ognjen Vukojević (FC Dynamo Kyiv) Attaccanti: Eduardo (FC Shakhtar Donetsk), Nikica Jelavić (Everton FC), Mario Mandžukić (VfL Wolfsburg), Nikola Kalinic (FK Dinipro).

PROSPETTIVE - La Croazia avrà l'infausto compito di provare ad inserirsi nella lotta per la qualificazione, che sulla carta, sembra affare esclusivo di Spagna e Italia. Occhio però a non sottovalutare una squadra che può godere di giocatori di talento e che, se sono in giornata, possono dar del filo da torcere anche ad avversari in partenza meglio attrezzati. Gli uomini di Bilic insieme all'Irlanda del Trap svolgeranno il ruolo di terzo incomodo.

La probabile formazione della Croazia: 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Euro 2012, Croazia: Bilic cerca l'ennesimo 'sgambetto' agli Azzurri

Today è in caricamento