rotate-mobile
Domenica, 23 Gennaio 2022
L'allarme / Verona

Venti beagle a rischio esperimenti: proteste per un possibile nuovo caso Green Hill

Il caso a Verona. Programmata una protesta per mercoledì 22 dicembre

Ci sono 20 cuccioli beagle da salvare. È una mobilitazione, una chiamata alle armi per protestare contro l'utilizzo di cuccioli di cani nelle sperimentazioni. L'appello è partito in rete, diffuso da parte delle varie sigle animaliste e sta diffondendosi rapidamente. L'appuntamento è per mercoledì 22 dicembre alle ore 15 a Verona, in via Fleming 4, davanti ai cancelli del centro sperimentale Aptuit. È lì che si trovano i 20 cuccioli, arrivati i primi giorni di settembre dalla Francia. Hanno appena quattro mesi e sarebbero destinati a esperimenti tossicologici, cioè destinati a essere "usati" per testare sostanze nei laboratori.

Lo denunciano le associazioni animaliste in una nota. L'Europarlamento ha approvato una risoluzione che chiede un piano d’azione per il superamento della sperimentazione animale e l’implementazione di metodi alternativi. La Lav però ricorda che l’uso dei cani, anche nei laboratori italiani, non è una novità e negli ultimi anni è un fenomeno in aumento. Dati ufficiali parlano di 639 i cani "utilizzati" in un solo anno in Italia e 17.711 in tutti i Paesi dell’Unione Europea. 

"Sono stati liberati tantissimi cani - ricordano le associazooni animaliste - nel 2012 dal laboratorio di Green Hill, il mondo intero ha gioito per quella liberazione, eppure l'orrore della sperimentazione su di loro non è mai finito! L' orrore sta continuando ancora, e chiediamo a tutti di dar voce a questa battaglia e di non lasciare soli questi poveri cuccioli". L'evento si chiama "Liberi Tutti" ed è una mobilitazione che le associazioni organizzano chiedendo il sostegno di tutti i cittadini italiani contro la sperimentazione animale.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Venti beagle a rischio esperimenti: proteste per un possibile nuovo caso Green Hill

Today è in caricamento