Martedì, 15 Giugno 2021
AAA... acquisti

Opinioni

AAA... acquisti

A cura di Massimiliano Dona

I nostri diritti davanti alle compagnie telefoniche: la guida gratuita per i consumatori

Quali sono i nostri diritti davanti alle compagnie telefoniche? Questa è la domanda registrata con maggiore frequenza negli ultimi 3 anni dagli sportelli dell'Unione Nazionale Consumatori. Ed ora, finalmente, abbiamo uno strumento utile a dare tutte le risposte: arriva la guida telefonia per i consumatori, gratuita scaricabile direttamente da qui.

Un compendio delle domande più frequenti, con le risposte dei nostri esperti e poi ancora: gli strumenti di autodifesa, gli indennizzi previsti dalle delibere Agcom, i nostri diritti quando stipuliamo un contratto voce o dati; come tutelarsi davanti alle attivazioni non richieste o dalle penali addebitate ingiustamente. Tutto ciò nella Guida dell'Unione Nazionale Consumatori dal titolo "I nostri diritti nella telefonia".

Del resto, ormai non possiamo più fare a meno del nostro smartphone grazie al quale tutti noi consumatori (giovani e meno giovani) possiamo accedere a una quantità di servizi che erano impensabili fino a pochi anni fa: non più solo telefonate e messaggi, ma anche accesso ai social networkmappe, condivisione di foto e video, fino alla possibilità di fare acquisti on line, comandare gli elettrodomestici della casa, viaggiare in sharing, etc.

Certo per fare tutto ciò abbiamo bisogno di servizi voce e dati internet molto efficienti. Purtroppo invece, come dicevo, a giudicare dai reclami che pervengono all’UNC, non mancano i disservizi da parte di tutti gli operatori (Tim, Vodafone, Wind3, Fastweb, etc) e sopratutto, troppo spesso, il consumatore non riesce ad avere il controllo sul proprio traffico, con il risultato di ricevere una bolletta esorbitante.

Questa guida pratica può aiutare il consumatore a orientarsi nel mondo dei servizi telefonici e internet! Come? Ecco una anticipazione in dieci punti, un decalogo di difesa dei nostri diritti nella telefonia:

  1. Il recesso, se fatto a seguito di variazioni contrattuali proposte dall’operatore, è sempre gratuito, quindi non possono essere richieste penali a carico del consumatore.
  2. servizi di avviso (come “ChiamaOra”, “Ti ho cercato” e “Chiamami”), hanno un costo che non è sempre comunicato correttamente al consumatore.
  3. L’ascolto di messaggi vocali in segreteria telefonica può avere un costo che varia in base all’operatore: meglio informarsi preventivamente!
  4. Se resti senza telefono o internet hai diritto a un indennizzo da parte dell’operatore.
  5. La formula “tutto incluso” deve includere anche le chiamate verso numeri fissi.
  6. Il controllo del credito residuo chiamando l’operatore non sempre è gratuito, meglio farlo tramite app o sito internet.
  7. È importante fare attenzione all’offerta dei servizi antivirus, i cui costi non sempre sono chiari all’interno della bolletta.
  8. Il servizio tethering (cioè la navigazione in modalità hotspot) può avere uncosto “ulteriore” rispetto alla tariffa base. Ma va comunicato!
  9. A volte le sim attivate nei punti vendita hanno un costo aggiuntivo.

Scarica la Guida dell'Unione Nazionale Consumatori sui nostri diritti nella telefonia!

Si parla di

I nostri diritti davanti alle compagnie telefoniche: la guida gratuita per i consumatori

Today è in caricamento