rotate-mobile
Sabato, 15 Giugno 2024
Sicurezza

Punteruolo del grano in casa: come eliminare l’insetto che infesta le dispense

Il punteruolo del grano è un insetto che può infestare dispense e armadietti andando a forare i pacchi di cibo: ecco i consigli per eliminarlo ed evitare che causi danni

Un nome particolare e curioso, quasi divertente. In realtà con i punteruoli del grano si può scherzare molto poco, tanto è vero che non è proprio una bella esperienza ritrovarseli in casa. Volendo essere ancora più precisi, questi insetti potrebbero comparire all’improvviso all’interno della dispensa, il luogo che prediligono per cibarsi di cereali e granaglie (come suggerisce il nome).

Il problema principale in questo caso è rappresentato dalle larve, dunque bisogna capire come prevenire ed eliminare questa specie, in modo che non sia più una presenza fissa nell’abitazione.

Che cos’è il puntueruolo del grano

Questo insetto infestante è noto anche con il nome di Calandra e appartiene alla famiglia delle Curculionide. Le sue dimensioni sono davvero ridotte, tanto è vero che non supera mai i cinque millimetri. I colori sono fondamentali per distinguerlo, visto che il punteruolo del grano è normalmente marrone scuro, mentre le sue antenne tendono più al rosso. Il lungo rostro, poi, è forse la caratteristica maggiormente riconoscibile.

Questo animale non è in grado di volare, ma provoca ugualmente parecchi danni tra il cibo grazie ai suoi movimenti rapidi e spesso imprevedibili. In poche parole, l’insetto in questione non è pericoloso per l’uomo, però riesce a compromettere in poco tempo l’igiene degli alimenti. Per avere un’idea di quanto sia dannoso, si può aggiungere che la specie è nota fin dai tempi degli antichi Romani e che già in quel periodo i granai venivano messi a dura prova.

Gli esemplari femmina sono tra i più voraci in assoluto, visto che è stato dimostrato come sappiano aprire le scatole di pasta per poi deporvi le uova (la larva esce dall’uovo dopo due settimane circa). Tra i cereali di cui sono golosi si possono ricordare il frumento, l’orzo, i ceci e il mais, senza dimenticare segale, avena, miglio e persino il grano saraceno. Come è possibile sbarazzarsene?

Come eliminare i punteruoli presenti in casa

Quando ci si imbatte in un punteruolo del grano all’interno di un pacco di pasta conservato in dispensa, le spiegazioni sono soltanto due. Potrebbe essere accaduto che la larva fosse presente già durante il confezionamento, in alternativa l’animale avrebbe potuto forare la scatola ed essersi riprodotto come è abituato a fare.

La chiusura ermetica del prodotto alimentare è una delle soluzioni più valide in questo senso, meglio ancora se si opta per un contenitore in vetro da sigillare con estrema cura. Trovare il punteruolo in una dispensa o in un armadio non deve essere fonte di panico. Per eliminarlo basta svuotare il tutto, senza paura di sfiorare l’insetto che è assolutamente innocuo e non punge.

Armadi e dispense vanno poi puliti a fondo prima di essere riempiti nuovamente con i pacchi di cibo. Anche le confezioni chiuse vanno controllate con attenzione in modo da evitare qualsiasi tipo di contaminazione. Nell’ipotesi più grave, quella di una invasione più massiccia, la soluzione al problema è quella della disinfestazione: è fondamentale contattare una ditta specializzata e il problema sarà risolto in maniera definitiva.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Punteruolo del grano in casa: come eliminare l’insetto che infesta le dispense

Today è in caricamento