Martedì, 2 Marzo 2021
Catania

L'uomo che pubblicava video di pornografia con scene di animali e bambini

Una segnalazione internazionale indicava il profilo di un italiano che su alcuni social condivideva immagini pedopornografiche terribili: il 41enne è stato individuato e arrestato in un paese della provincia di Catania dalla Polizia Postale

Foto archivio

Puro orrore. Continua la lotta alla pedopornografia online. La Polizia Postale in Sicilia ha arrestato un uomo che deteneva e divulgava un ingente quantitativo di immagini sessuali di minori, anche in tenerissima età.

Catania: arrestato 41enne che diffondeva materiale pedopornografico

La Polizia Postale coordinata dalla Procura Distrettuale di Catania ha tratto in arresto un uomo di anni 41, residente in un paese della provincia di Catania, responsabile di divulgazione di materiale pedopornografico su internet. L'indagato, a seguito della perquisizione, è stato tratto in arresto in flagranza per detenzione di migliaia di file di pornografia minorile.

Come sono partite le indagini in questa occasione? L'indagine della Polizia Postale di Catania trae origine da una segnalazione della National Centre for Missing Exploited Children (NCMEC) e dal Centro Nazionale di Contrasto della Pedopornografia On-line (CNCPO) del Servizio Polizia Postale di Roma.

La segnalazione, molto dettagliata, indicava il profilo di un presunto italiano che su alcuni social condivideva video di pornografia infantile anche con scene di zoorastia. Le complesse investigazioni informatiche svolte dagli investigatori della Polizia Postale di Catania hanno consentito di identificare il soggetto, un tecnico informatico, nei confronti del quale la Procura Distrettuale di Catania ha emesso un immediato decreto di perquisizione locale e informatica.

Nel corso della perquisizione informatica è emerso l'orrore: la detenzione di migliaia di file (video e immagini) di pornografia minorile, soprattutto con vittime in età infantile e il rinvenimento e sequestro di una ingente quantità di dispositivi (hard disk, tablet, dvd).

Il pubblico ministero ha chiesto ed ottenuto la convalida del provvedimento dal GIP del Tribunale di Catania, che ha disposto la detenzione domiciliare. Il materiale sequestrato sarà sottoposto ad approfondite analisi da parte degli esperti della Polizia Postale sia per identificare le vittime sia le modalità di acquisizione dei video pedopornografici.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'uomo che pubblicava video di pornografia con scene di animali e bambini

Today è in caricamento