rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024
Città Reggio Calabria

Il cane lasciato morire in un fusto di catrame | FOTO

La povera bestia è morta dopo ore di agonia, nonostante le tante segnalazioni alle autorità e all'Asl

REGGIO CALABRIA - E' stata una morte crudele quella di un cane di taglia media, rimasto letteralmente cementato in un fusto abbandonato di catrame dopo esservi caduto dentro a Reggio Calabria, nella frazione di Sambatello.

E' avvvenuto sabato scorso, quando la bestiola, forse scappando, è saltata da un muretto ed è precipitata nel bidone trasformatosi in una trappola mortale. Dopo ore di agonia, il randagio è morto paralizzato sotto il sole.

I guaiti di sofferenza dell'animale hanno richiamato alcuni residenti della zona: molte le telefonate dei cittadini alle autorità, alle forze dell'ordine e all'Asl. A quanto pare, però, le sofferenze atroci del cagnolino non hanno suscitato molta preoccupazione, tanto che nessuno è riuscito ad intervenire con tempestività (come si vede nelle foto della Onlus "Dacci una zampa").

Le associazioni animaliste hanno espresso la loro disapprovazione, mentre l'onorevole Michela Vittoria Brambilla, in rappresentanza della "Federazione italiana associazioni diritti animali e ambiente" ha parlato di provvedimenti severi: "Chi ha sbagliato dovrà pagare. Ho chiesto l’intervento della magistratura per individuare i responsabili - ha dichiarato a Corriere.it - ed accertare eventuali estremi di reato nei comportamenti omissivi di Asl e polizia locale. Andremo fino in fondo per individuare le responsabilità di chi ha permesso una morte così crudele e che poteva essere certamente evitata".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il cane lasciato morire in un fusto di catrame | FOTO

Today è in caricamento