Domenica, 16 Maggio 2021
Firenze

Addio a Sandra Alvino, è morta la storica paladina dei diritti dei transessuali

E' deceduta questa mattina a Firenze all'età di 77 anni, "consumata da un male incurabile che nel giro di pochi mesi l'ha strappata all'affetto di coloro che, in tanti anni, gli sono stati accanto nella sua dura lotta al riconoscimento dei diritti civili"

Sandra Alvino 64 anni, nata uomo e ora donna, e Fortunato Talotta, 58 anni, si sposano nel 2009 davanti a don Alessandro Santoro, il parroco della comunita' delle Piagge, un quartiere alla periferia di Firenze. Ansa

Sandra Alvino, storica paladina dei diritti dei transessuali, è morta questa mattina a Firenze all'età di 77 anni, "consumata da un male incurabile che nel giro di pochi mesi l'ha strappata all'affetto di coloro che, in tanti anni, gli sono stati accanto nella sua dura lotta al riconoscimento dei diritti civili". L'annuncio della scomparsa è stato dato dal marito Fortunato Talotta tramite il giornalista fiorentino Franco Mariani.

"Io sono una signora", diceva con orgoglio Sandra Alvino

"Io sono una signora", diceva con orgoglio Sandra Alvino, presidente dell'Associazione italiana transessuali, nata uomo, ma che ha sempre vissuto come donna - "un sempre che ha pagato caro, con tanto di confino e condanne per aver combattuto il suo riconoscimento" ricorda il marito -, che poté cambiare sesso solo nel 1974, sposandosi poi civilmente nel 1982 con Fortunato Talotta, che gli è stato accanto "fino all'ultimo momento. Fortunato e Sandra si erano sposati nel carcere fiorentino di Sollicciano. Si erano incontrati in un altro carcere fiorentino, quello delle Murate nei primi anni Settanta, ed era stato subito amore. Il suo modo di combattere, vivace, provocante, a volte anche un po' sopra le righe, ma sempre rispettoso degli altri, l'ha fatta conoscere a livello nazionale. "Io sono una donna e ho sempre cercato la dignità che non mi è mai stata data - evidenziava nelle sue interviste - Ho passato quattordici anni in prigione, mi hanno dato anche il falso ideologico per aver messo una 'a' al posto di una 'o' sul nome della mia carta di identità. Mi sono sposata e non sono riuscita a trovare un lavoro, cosi sono entrata in depressione e sono stata dichiarata invalida. Io sono una persona onesta, non sono mai andata a spogliarmi in tv e ho sempre salvaguardato il nome dei miei genitori".

"Ci siamo battute per dimostrare che eravamo donne e non uomini o vie di mezzo"

Negli anni '60, raccontava Sandra Alvino, "ci siamo battute per dimostrare che eravamo donne e non uomini o vie di mezzo. Il 14 aprile del 1982 abbiamo ottenuto la legge 164, secondo la quale il giudice può disporre una 'rettificazione di attribuzione del sesso' e riconoscerti di sesso femminile anche se sei nato di sesso maschile. Oggi sto lottando ancora, ma contro il fatto di essere accomunata ai trans che si spogliano per strada e che si prostituiscono. Ho pubblicato un libro, ho scritto al presidente della Repubblica, ho chiesto aiuto ai vari presidenti del Consiglio, ai vari sindaci, Renzi e Nardella compresi, con bei sorrisi e loro strette di mano davanti a telecamere e fotografi, ma poi senza portare a termine le loro promesse e impegni presi". Anche su don Alessandro Santoro, il sacerdote fiorentino parroco a Le Piagge, che volle sposarla nel 2009 con un grande battage mediatico - matrimonio che fu invece alla fine una semplice benedizione - aveva le sue idee: si riteneva di essere stata "sfruttata", ma pensava, all'inizio, che poteva essere al suo fianco nelle battaglie che lei ha sempre combattuto, cosa che "poi non è avvenuto pienamente". Chiesa che comunque è sempre stata accanto a Sandra Alvino, in particolare il cardinale Giuseppe Betori, arcivescovo di Firenze, che tramite la sua segreteria particolare non ha mancato di aiutarla quando era in difficoltà. Sandra Alvino, ricorda il comunicato diffuso da Francesco Mariani, è venuta a mancare nel giorno dell'elezione di Papa Francesco, avvenuta 8 anni fa. "Io sono cattolica - diceva Sandra - e al Papa chiedo che riesca ad accettare la nostra situazione. Siamo persone che hanno sofferto, vivono nell'onestà e hanno la fede, ma purtroppo non avendo un corpo adeguato al sesso e alla mente lo hanno modificato per vivere meglio, chiediamo che la Chiesa accetti la nostra condizione e le nostre unioni". "Sandra Alvino, una donna che ha combattuto con tutte le sue energie, senza guardare in faccia nessuno, pagando sempre in prima persona, oggi lascia questa terra con la speranza che le sue lotte, le sue sofferenze siano servite a costruire una società più civile e più attenta a chi rivendica il giusto riconoscimento della propria identità", ha detto Fortunato Talotta.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Addio a Sandra Alvino, è morta la storica paladina dei diritti dei transessuali

Today è in caricamento