rotate-mobile
Martedì, 23 Aprile 2024
Verso il processo / Torino

Omar Favaro all'ex moglie: "Ti sfregio con l'acido, ti riduco in sedia a rotelle"

L'uomo, già condannato nel 2001 con la fidanzata di allora Erika De Nardo per gli omicidi commessi a Novi Ligure, rischia un nuovo processo: è accusato di violenza sessuale e maltrattamenti in famiglia

Quando aveva appena 17 anni è stato protagonista di uno dei casi di cronaca nera più drammatici del nostro paese: il caso dei fidanzatini di Novi Ligure, Omar Favaro ed Erika De Nardo, i due minorenni che la sera del 21 febbraio 2001 hanno ucciso con quasi cento coltellate Susy Cassini e Gianluca De Nardo, madre e fratello minore di Erika. A 23 anni di distanza, oggi su Omar Favaro pesa una nuova accusa: per lui è vicino il rinvio a giudizio e poi il processo, con le accuse di maltrattamenti in famiglia e violenza sessuale.

Favaro è accusato di violenze fisiche e psicologiche nei confronti dell'ex moglie e della figlia, fatti che risalirebbero al periodo tra il 2019 e il 2021: si parla di "reiterate minacce di morte alla ex moglie, di sfregiarla con l'acido o ridurla in sedia a rotelle, percosse", secondo le accuse. Anche violenza sessuale e un controllo economico della donna, a cui avrebbe anche vietato di uscire di casa, sempre secondo l'indagine della procura di Ivrea partita dopo la denuncia della donna.

Gli inquirenti avevano chiesto per lui il divieto di avvicinamento alle vittime, ma le accuse via via si fanno sempre più pesanti: ora la procura di Ivrea ha chiuso le indagini e presto ci sarà l'udienza per il rinvio a giudizio. Omar Favaro, 41 anni a maggio, respinge tutte le accuse e parla di ritorsioni in sede di separazione e per l'affidamento della bambina, che vive con la mamma.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omar Favaro all'ex moglie: "Ti sfregio con l'acido, ti riduco in sedia a rotelle"

Today è in caricamento