Giovedì, 5 Agosto 2021
Donna

Depressione, si può combattere con il cibo

Un'alimentazione corretta aiuta a fronteggiare questo disturbo che colpisce circa il 15% degli italiani

L'alimentazione può essere utile a combattere la depressione. Come? Fornendo al proprio corpo più calorie, e quindi più energia, oppure alimenti che stabilizzano il livello di zucchero nel sangue e stimolano i neurotrasmettitori cerebrali. 

Uno studio dell'Osservatorio Nutrizionale Grana Padano ha indagato le abitudini alimentari di 500 persone, confrontandole con i parametri stabiliti dai nutrizionisti dell'Osservatorio per combattere la depressione, un male sempre più diffuso nella nostra società, e fornito dei consigli pratici. In Italia ne soffrono circa 15 persone su 100. Il disturbo depressivo può colpire chiunque a qualunque età, ma è più frequente tra i 25 e i 44 anni ed è due volte più comune nelle donne adolescenti e nelle adulte.

La maggior parte degli studi pubblicati sull'argomento dimostra che le persone che fanno colazione ogni mattina hanno un maggiore livello di energia durante il giorno e il loro umore è influenzato positivamente. E' stata valutata l'assunzione di tè, scarsissima nella nostra popolazione: più del 50% degli intervistati non lo beve mai. Il 15% degli intervistati non consuma mai caffè, mentre il 46% arriva ad utilizzarne almeno 2-3 tazze al giorno. La caffeina influisce sul metabolismo migliorando temporaneamente la concentrazione, la sonnolenza, spesso tipica di chi è depresso e l'energia in generale. E' consigliata prevalentemente al mattino, quando la depressione è in genere più sintomatica. La qualità del sonno deve essere buona per affrontare meglio la giornata successiva, un sonno ristoratore migliora la depressione.

I minerali sono fondamentali: l'assunzione giornaliera di ferro è mediamente di 14 mg per uomini e donne, ma i fabbisogni consigliati (circa 18 mg, soprattutto in età fertile) non vengono soddisfatti, soprattutto per le donne. Il ferro è un minerale importante per portare sangue al cervello e sembra avere una correlazione diretta con la depressione, così come Zinco e Selenio, che modulano la trasmissione degli impulsi nervosi mentre la loro assenza provoca depressione. Per quanto riguarda le vitamine, dallo studio OGP non emerge una scarsa introduzione di Vitamina B12 nel campione analizzato, si ritiene fondamentale, tuttavia, che venga assorbita ed è quindi sempre consigliabile in presenza di depressione, valutare con il medico i dosaggi ematici di Vitamina B12, folati e Vitamina D.

I carboidrati sono indispensabili per avere un buon umore, però solo 1/3 degli intervistati utilizza alimenti integrali almeno due volte al giorno: i cereali integrali, come pane, pasta e riso integrale, sono assorbiti lentamente, mantenendo i livelli di energia e di zucchero nel sangue stabili, e stabilizzano l'umore. 

Importanti anche gli zuccheri, soprattutto quelli contenuti nel cioccolato, il cui effetto positivo sull'umore è dimostrato, anche se il meccanismo non è del tutto chiaro, ma sembra dovuto alla presenza di caffeina in combinazione con un altro stimolante chiamato teobromina.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Depressione, si può combattere con il cibo

Today è in caricamento