rotate-mobile
Mercoledì, 24 Aprile 2024
Donna

Il premio Nobel Malala dona 50mila euro per ricostruire una scuola di Gaza

Dopo l'illustre riconoscimento assegnatole a Oslo, arriva il premo 'Bambini del mondo' per la 17enne pakistana che ha deciso di destinare l'importo per dare un futuro alle bambine senza istruzione

L'attivista pakistana Malala Yousafzai, vincitrice del premio Nobel per la Pace, ha donato 50mila dollari per la ricostruzione di una scuola delle Nazioni Unite a Gaza danneggiata durante l'ultima offensiva di Israele nel territorio palestinese.

Lo rende noto l'Unrwa, l'agenzia dell'Onu per i profughi palestinesi, anunnciando che la 17enne ha voluto destinare tutta la somma ricevuta per il premio World Children's Prize, assegnatole ieri a Stoccolma, ai bambini palestinesi che, come lei stessa ha affermato, meritano un'istruzione di qualità perché "senza l'istruzione non ci sarà mai la pace".

La ragazza che promuovendo i diritti delle ragazze pakistane, tra cui quello di frequentare la scuola, si assesta come la più giovane vincitrice di un Nobel, nel 2012 venne ferita alla testa in un attacco dei talebani nella valle dello Swat proprio a causa del suo impegno a favore delle bambine e l'Agenzia dell'Onu per i rifugiati ha riconosciuto che Malala fa "un lavoro eroico per i bambini di Gaza, in circostanze molto difficili".

"Malala Yousafzay ha combattuto diversi anni per il diritto delle bambine all'istruzione ed ha mostrato con l'esempio che anche bambini e giovani possono contribuire a cambiare la loro situazione" aveva detto il presidente del comitato, Thorbjoern Jagland, alla consegna del Nobel e la sua scelta di donare i soldi alle scuole di Gaza dimostra nuovamente, nel caso in cui ce ne fosse stato bisogno, che a Stoccolma non si sono sbagliati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il premio Nobel Malala dona 50mila euro per ricostruire una scuola di Gaza

Today è in caricamento