rotate-mobile
Mercoledì, 28 Febbraio 2024

La recensione

Claudio Pizzigallo

Giornalista

Grosso Guaio all'Esquilino, come vedere il film con Lillo senza essere delusi

Da giovedì 6 aprile in esclusiva su Prime Video è disponibile in streaming Grosso Guaio all'Esquilino - La leggenda del kung fu, film diretto dal duo di registi Niccolò Celaia e Antonio Usbergo, noti con lo pseudonimo YouNuts! (Sotto il sole di Riccione, il remake di ...altrimenti ci arrabbiamo! e Con chi viaggi) e con protagonista Pasquale Petrolo detto Lillo (che era anche interprete principale del già citato Con chi viaggi).

Se state cercando un film per farvi quattro risate e vedete la faccia di Lillo comparire nell'home page di Prime Video, è facile che pensiate di aver trovato il titolo giusto. Perché non rimaniate delusi, ad ogni modo, è bene che leggiate questa recensione "di avvertenza" prima di schiacciare il tasto play.

Prime Video, il poster di Grosso Guaio all'Esquilino

La trama (no spoiler) e il cast di Grosso Guaio all'Esquilino

Il personaggio attorno a cui ruota la storia è Davide (Riccardo Antonaci), timido ragazzo di terza media la cui madre Asia (Carolina Crescentini) lavora nel ristorante cinese della matrigna Lisa (Liyu Jin) di Yang (Mario Luciani), compagno di scuola e amico fraterno di Davide. 

I due ragazzini condividono anche la passione per i film (trash) di arti marziali degli anni '80, da cui sognano di apprendere le tecniche per sapersi difendere dagli attacchi del bullo di turno Nadir (Ismaelchrist Carlotti), che è anche l'ex ragazzo di Jasmine (Ludovica Nasti, che ricordiamo come Lila bambina nella prima stagione de L'amica geniale), di cui Davide è segretamente innamorato.

Così un giorno Davide e Yang vanno alla proiezione di un vecchio film per incontrare il regista, che però all'ultimo viene sostituito con un attore celebre per un solo, "memorabile" film: Martino Carbonaro (sì, Lillo) di Cintura Nera. I due ragazzi pensano quindi di aver trovato qualcuno che possa insegnare loro l'arte del kung fu, peccato però che Martino sia solo un attore e neanche tanto bravo. Quel che succederà non ve lo diciamo per non spoilerare, ma potete guardare il trailer qui sotto.

Perché (non) vedere Grosso Guaio all'Esquilino

Diciamolo subito: vedere Grosso Guaio all'Esquilino - La leggenda del kung fu perché c'è Lillo è un po' come vedere Improvvisamente Natale perché ci sono Diego Abatantuono e/o Nino Frassica. Cioè: è vero che ci sono questi attori, ma in realtà nell'economia della storia non sono i veri protagonisti, perché in entrambi i film i protagonisti sono i ragazzini, non gli adulti. 

E quindi sì, qui e lì si vede la comicità di Lillo che tanto amiamo, ma il focus del film non è su di lui, e conseguentemente al target adolescenziale si adeguano il tono della narrazione e - diciamo così - la maturità delle battute, che sono pensate per essere fruibili (anche o principalmente) da un pubblico molto giovane.

Il risultato è un film "televisivo" che in sé è anche piuttosto godibile e divertente, al netto di qualche limite strutturale. Basta arrivare preparati alla visione, per non restare delusi nelle proprie aspettative. Insomma, basta saperlo prima.

Voto: 6.5

Si parla di

Grosso Guaio all'Esquilino, come vedere il film con Lillo senza essere delusi

Today è in caricamento