Martedì, 3 Agosto 2021
life

Cambiamenti climatici, all'Onu presentati 6 progetti italiani

Si è svolta giorni fa a New York la conferenza dal titolo “FightingClimateChange: SharingItaly’s Innovative Technologies”. Per l’occasione sono stati presentati 6 progetti italiani che hanno lo scopo di aiutare ad affrontare e prevenire gli effetti del cambiamento climatico

Foto askanews

"Lotta al cambiamento climatico e ai suoi disastrosi effetti". Questo il tema della conferenza "Fighting Climate Change" organizzata nei giorni scorsi al Palazzo di Vetro dalla Missione Permanente Italiana presso le Nazioni Uniti. Alla presenza di numerose realtà italiane (CAE, Consorzio Venezia Nuova, Enel Green Power, Eni, Telespazio-Finmeccanica), sono stati presentati sei progetti innovativi e svariati spunti di riflessione sul contrasto alla progressiva "tropicalizzazione" del clima. Un impegno in cui l'Italia appare schierata in prima fila.

Tra i progetti più innovativi presentati c`è stato sicuramente quello di Telespazio/Finmeccanica: un sistema satellitare all`avanguardia che permette di monitorare costantemente i fattori di rischio legati al cambiamento climatico (dall`allevamento intensivo, allo spreco di acqua, al disboscamento passando per lo scioglimento dei ghiacciai). Luigi Pasquali, direttore del settore spazio di Finmeccanica, è stato molto chiaro: "Finmeccanica è in prima linea nelle attività di monitoraggio dell`ambiente e dei cambiamenti climatici. Da oltre 30 anni siamo infatti all`avanguardia nei servizi di osservazione satellitare, fondamentali per poter studiare cause ed effetti del climate change. Inoltre, con la tecnologia di cui Finmeccanica dispone e con la nostra capacità di integrare comunicazioni sicure, centri
di controllo, dati acquisiti da satelliti, aerei, elicotteri e droni, oggi sosteniamo efficacemente governi e autorità internazionali nella gestione delle emergenze, sia umanitarie sia causate da disastri naturali. Con la partecipazione a questo importante evento, intendiamo testimoniare l`impegno dell`Italia e della sua industria su uno dei temi centrali dell`agenda mondial
e".

Enea ha invece creato dei droni-pesce che monitorano costantemente i volumi marini, fornendo dati sul riscaldamento globale. Si tratta del progetto Venus Swarm, che verrà presto impiegato nella Laguna di Venezia. E proprio di Venezia ha parlato il professore Francesco Ossola, con un intervento sul Mose, il sistema di protezione contro l`acqua alta: un fenomeno che rischia di danneggiare sempre di più la città. Anche Francesca Ferrazza di Eni è intervenuta sull`importanza delle energie rinnovabili (a partire dal solare) nel contrasto all`inquinamento e al riscaldamento globale, citando diverse eccellenze italiane impegnate al riguardo, come il Politecnico di Milano.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cambiamenti climatici, all'Onu presentati 6 progetti italiani

Today è in caricamento