Giovedì, 26 Novembre 2020

Rufus Wainwright e il suo pop raffinato ospite a Sanremo

Il cantante americano sarà sul palco dell'Ariston il 19 febbraio

Rufus Wainwright è l’ospite internazionale della seconda serata del Festival di Sanremo 2014.

Il nome del cantante pop americano si aggiunge a quello della lista degli ospiti non italiani che sfileranno sul palco dell’Ariston a partire dal prossimo 18 febbraio. Dopo la conferma su Stromae, che si esibirà durante la serata finale del Festival, ora è stato confermato anche il nome di quello che Elton John ha definito il più grande songwriter del mondo.

Secondo le indiscrezioni, Rufus Wainwright presenterà a Sanremo due brani tratti dal suo ultimo disco “Vibrate: The Best of Rufus Wainwright”.

Autore prolifico e versatile, Wainwright è autore di un pop raffinato che spazia tra i generi più diversi, dall’opera lirica alla canzone d’autore. Oltre al suo estimatore Elton John, Wainwright ha lavorato anche con grandissimi come Lou Reed, Shirley Bassey, Antony, David Byrne, Robbie Williams.

Sua è la commossa versione di “Allelujah” di Leonard Cohen nella colonna sonora di “Shrek, ma ha cantato anche “Complainte de la Butte” in “Moulin Rouge”.

Dopo Sanremo, Rufus Wainwright tornerà in Italia ad aprile con un mini tour di due date a Brescia e Bologna. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rufus Wainwright e il suo pop raffinato ospite a Sanremo

Today è in caricamento