rotate-mobile
Giovedì, 18 Aprile 2024
Le immagini / Russia

Droni sulla Russia: raffica di attacchi, in fiamme una raffineria di petrolio

L'incendio (poi domato) è scoppiato nell'impianto di Kuibyshev. Un morto e due feriti nel distretto di Chernyansky

La Russia colpita di nuovo. Poche ore dopo l'attentato alla Crocus City Hall che ha provocato decine e decine di morti, nella notte sono state incendiate due raffinerie di petrolio nella regione di Samara, mentre un altro attacco con un drone è stato registrato nella regione russa di Belgorod. Secondo il governatore Dmitry Azarov, "nella notte sono stati sferrati attacchi con droni contro raffinerie nella regione" ed è scoppiato un incendio nell'impianto di Kuibyshev.

Il governatore precisa che "non ci sono vittime" e, secondo la Tass, "l'incendio è stato spento". Stando alle notizie della stessa agenzia, le autorità affermano che è stato invece "respinto l'attacco con droni alla raffineria di Novokuibyshevsk", dove - riferiscono - non si registrano danni.

Il governatore Vyacheslav Gladkov denuncia un altro attacco avvenuto nella regione russa di Belgorod, al confine con l'Ucraina. "Droni hanno attaccato i distretti di Starooskolsky e quello di Chernyansky" ha reso noto via Telegram. "Un civile è stato ucciso e altre due persone sono rimaste ferite nel distretto di Chernyansky". Secondo Mosca dietro gli attacchi ci sarebbe l'Ucraina. Non sembra esserci invece nessun collegamento con la strage alla Crocus City Hall che è stata invece rivendicata dall'Isis. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Droni sulla Russia: raffica di attacchi, in fiamme una raffineria di petrolio

Today è in caricamento