Manovra 2020, chi viene premiato e chi viene "bastonato"

Secondo ItaliaOggi la manovra "premia i dipendenti e bastona gli autonomi". Le poche risorse disponibili verrebbero infatti impegnate, secondo il quotidiano economico, per lavoratori subordinati (3 mld), pubblico impiego (3,5 mld) e pensionati

La manovra è ancora da definire, il percorso parlamentare si preannuncia come sempre frizzantino. Dopo giorni di tensioni la maggioranza di governo da oggi prova a ricucire. C'è attesa per il vertice che dovrebbe sciogliere i nodi sulla manovra: l'obiettivo è fare il punto su alcuni temi cruciali, dalla legge di bilancio al carcere per i grandi evasori. Alle 19 è in programma il Consiglio dei ministri con il decreto terremoto all'ordine del giorno. Contemporaneamente, il dibattito politico entra nel rush finale in vista del voto per le regionali in Umbria di domenica prossima, che potrebbero dare segnali confortanti o destabilizzanti all'esecutivo Pd-M5s.

Manovra, Di Maio: "Troveremo soluzione". Zingaretti "Italiani stanchi"

"Sono fiducioso sul fatto che troveremo una soluzione perché questa manovra di bilancio se si deve fondare sulla lotta all'evasione è giusto che si fondi anche sulle proposte che vengono dalla prima forza politica parlamentare che regge questo governo che è il Movimento 5 Stelle. Se invece non le si vogliono considerare, non credo che sia utile al clima nel Governo'' ha detto ieri il ministro degli Esteri Luigi Di Maio.

"Non fa solo effetto, fa male. Noi saremo molto responsabili. Diciamo ai nostri alleati: si può andare avanti ma nessuno continui o rincominci a mettere le bandierine sulle proprie identità perché di questo gli italiani sono stanchi. Questo è un popolo molto paziente, abbiamo fatto delle promesse ma gli italiani non sono coglioni e quindi ora bisogna mantenere e rispettare accordi perché altrimenti si arrabbiano e giustamente ci sarà una rivolta". Così il segretario del Pd, Nicola Zingaretti su La7 a 'Non è l'arena'. "La legge bilancio è stata votato da tutti i i partiti della coalizione", ha ricordato Zingaretti.

Per chi ha un occhio di riguardo la legge di bilancio

Per chi ha un occhio di riguardo la legge di bilancio? Chi invece potrebbe essere penalizzato? Secondo ItaliaOggi la manovra "premia i dipendenti e bastona gli autonomi". Le poche risorse disponibili verrebbero infatti impegnate, secondo il quotidiano economico, per lavoratori subordinati (3 mld), pubblico impiego (3,5 mld) e pensionati. Solo "stangate" invece per il popolo delle partite Iva. Ma è davvero così?

Partiamo dall'unica certezza condivisa: gran parte delle risorse disponibili sono state impiegate per neutralizzare le clausole di salvaguardia e quindi per non aumentare l'Iva. Era ed è la priorità. 

Manovra 2020, i premiati e i "bastonati"

Per il resto secondo ItaliaOggi 3 miliardi andranno utilizzati a quel che si è appreso finora per aumentare le buste paga dei lavoratori subordinati, 3,5 miliardi per il rinnovo dei contratti dei dipendenti pubblici (con aumenti ben superiori al tasso di inflazione), e poi la rivalutazione degli assegni pensionistici, il rinnovo di Ape sociale e Opzione donna.

Ma soprattutto nessuna modifica a Quota 100 e nemmeno al reddito di cittadinanza, una misura che ha dimostrato essere fonte di moltissimi abusi e soprattutto che finora non ha offerto alcun contributo nel far incontrare domanda e offerta di lavoro, a parte l'assunzione dei navigators, peraltro a tempo determinato.

Il popolo delle partite Iva verrebbe "bastonato "pesantemente non solo dal punto di vista economico, ma anche ideologico.

Se c'era stata una riforma in materia fiscale che negli ultimi anni aveva dato buoni risultati in termini di semplificazione è stata la creazione della categoria dei forfettari, destinataria di un meccanismo ipersemplificato di determinazione del reddito. Un'innovazione che aveva riscosso notevole successo presso i diretti interessati, ma aveva anche consentito di aumentare il gettito di più di un miliardo di euro: ora l'intenzione del governo è di radere al suolo questo regime reintroducendo le complicazioni che erano state appena eliminate.

Partite Iva, tutte le ipotesi per il 2020

Ma quelle del quotidiano sono supposizioni. Potrebbero esserci ancora novità, e non certo piccole. Secondo il M5s infatti i giovani professionisti sarebbero le vittime dei nuovi obblighi (a cominciare dalla tenuta delle scritture contabili) che scatterebbero - secondo quanto tracciato dal Documento programmatico di bilancio - per entrare nel regime forfettario al 15% con limite di ricavi a 65 mila euro. L'ipotesi che si fa strada per venire incontro alla richiesta è lasciare, scrive oggi Repubblica, il regime forfettario fino a 30.000 euro. Per la partite Iva da 30mila a 65.000 euro, invece, dare la possibilità di scelta tra regime forfettario o analitico, premiando chi sceglie la fatturazione elettronica. Aliquota invariata al 15% (o al 5% in caso di start up).

Fonte: ItaliaOggi →

In Evidenza

Più letti della settimana

Potrebbe interessarti

Torna su
Today è in caricamento