Conguaglio da 18mila euro sulla bolletta: "Rischio di chiudere"

Massimo Pagan, imprenditore di Vicenza, spiega di aver sempre pagato regolarmente: nessuno però si è mai preoccupato di effettuare la lettura reale dei consumi

La bolletta contestata

Salasso in bolletta. Un congugaglio da 18mila euro da pagare entro pochi gorni. Il motivo? Nessuno ha mai fato la lettura reale dei contatori della luce. E' successo al titolare di un locale di Vicenza, Massimo Pagan, che spiega adesso di essere in difficoltà a versare quanto dovuto. Tanto che rischia di dover chiudere baracca. 

Tutto è iniziato quando Massimo ha deciso di cambiare gestore della luce. L'offerta del Gruppo Hera, società emiliana di distribuzione energia elettrica nel libero mercato pareva conveniente. La proposta  fatta dai rappresentanti del nuovo ufficio di via  della Meccanica a Vicenza (in seguito chiuso dopo pochi mesi) prometteva un risparmio di circa il 40% sui consumi del locale rispetto all'Aim.

Da qui la decisione di Massimo, nel 2009, di cambiare gestore visto che i costi della multiutility di San Biagio erano più alti. Al tempo non sapeva della brutta sorpresa che gli sarebbe arrivata anni dopo.

"Per un anno non mi arivano bollette, chiamo ma il call center non mi risponde - spiega Massimo - poi nel maggio 2010 mi arriva una fattura da 1230 euro che pago regolarmente". 

Bolletta da 18mila euro, il video di VicenzaToday

Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attenti solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 Dal mese di maggio in poi le bollette arrivano regolarmente ogni mese e le cifre sono inferiori a quelle dell'Aim, anche se non proprio come promesso:

"Penso sia a causa dell'aumento dell'energia elettrica - aggiunge Pagan ma la cosa mi va bene, anche se noto che c'è qualcosa di strano". La fatturazione, infatti è sempre presunta.

Gli anni passano e non arriva mai un saldo per il consumo reale del locale e nessuno esce per fare la lettura dei contatori. Intanto arriva il 2014 e a febbraio Massimo recide il contratto con Hera e passa a un'altro fornitore, la lombarda Sorgenia gas, con la quale resta poco. "Ad ottobre dello stesso anno torno con Hera che nel frattempo mi ha fatto una nuova proposta - aggiunge Massimo - ed è a quel punto che mi trovo la sorpresa". 

Fonte: VicenzaToday →

In Evidenza

Più letti della settimana

Potrebbe interessarti

Torna su
Today è in caricamento