rotate-mobile
Sabato, 4 Dicembre 2021
Città Barletta-Andria-Trani

Claudio Lasala, ucciso per un cocktail negato: fermati due ragazzi

Futili motivi all'origine del litigio al culmine del quale, nella notte tra il 29 e il 30 ottobre, è stato ucciso a Barletta il 24enne

Futili motivi. Un cocktail negato sarebbe all'origine del litigio al culmine del quale, nella notte tra il 29 e il 30 ottobre, è stato ucciso a Barletta il 24enne Claudio Lasala. Dal decreto di fermo eseguito dai carabinieri su disposizione della Procura di Trani nei confronti dei due presunti aggressori, il 20enne M.D. e il 18enne I.A., emerge il movente della "violenta colluttazione".

"Un diverbio pretestuoso", si legge negli atti, legato alla pretesa di uno dei due fermati, il 20enne, di farsi offrire da bere dalla vittima.  Sarebbe iniziata una violenta colluttazione nel corso della quale si sarebbero colpiti a vicenda "ripetutamente con pugni, schiaffi e calci", si legge nell'imputazione. Il litigio sarebbe poi proseguito nella piazzetta antistante il locale. Il 18enne, prima di uscire dal bar, avrebbe preso dal bancone un coltello portandolo con sé all'esterno del locale, "incitato" dall'amico, e lì, mentre il violento litigio tra i due proseguiva, avrebbe colpito il 24enne all'addome. Il pm contesta ai due giovanissimi il concorso in omicidio volontario con l'aggravante dei futili motivi.

Claudio Lasala è morto all'ospedale di Barletta, dove i medici avevano tentato di salvargli, invano, la vita. Il 18enne è ritenuto dagli inquirenti l'esecutore materiale delle ferite mortali. I carabinieri, coordinati dalla Procura di Trani, sono giunti sulle tracce dei due grazie alle immagini delle telecamere del centro storico, ma anche grazie alle numerose testimonianze delle persone presenti nei luoghi dell'aggressione.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Claudio Lasala, ucciso per un cocktail negato: fermati due ragazzi

Today è in caricamento