rotate-mobile
Lunedì, 24 Giugno 2024
Città Palermo

Prime nozze gay: il fatidico "sì" in una chiesa valdese

Un impiegato e un professionista di religione cattolica coronano il proprio sogno d'amore a Palermo, in una chiesa protestante

PALERMO - I principali partiti nazionali discutono - anche a toni accesi - sul riconoscimento dei diritti alle coppie omosessuali. A Palermo, intanto, si passa alle vie di fatto, con le prime nozze gay celebrate nella chiesa cristiana valdese di via dello Spazio. Un impiegato e un professionista di religione cattolica hanno pronunciato il fatidico "sì" giurandosi amore eterno alla presenza della prima donna sacerdote d'Italia, il presbitero Maria Vittoria Longhitano, della parrocchia Gesù di Nazareth di Milano. Alla celebrazione sono seguiti i festeggiamenti nel centro storico del capoluogo palermitano.

"IL NOSTRO AMORE DAVANTI A DIO E ALLA COMUNITA'" - "Il nostro obiettivo - hanno affermato emozionati i neo sposi - era quello di presentarci insieme, a Dio ed alla comunità, perché ci amiamo veramente. Siamo certi che il passo compiuto da noi può donare speranza a chi, per varie ragioni, ha dovuto rinunciare ad esprimere e ad esternare i propri sentimenti. La nostra felicità è completa: davanti all'altare, insieme a noi, c'erano amici, parenti, intere famiglie con bambini, persone di tutte le età e di vari credo; cattolici, vetero-cattolici, anglicani, valdesi, pentecostali, musulmani, buddisti. È proprio vero che l'amore non può separare".

IL PRECEDENTE A TRAPANI - La prima unione gay in Sicilia risale all'estate del 2010 a Trapani dove, per la prima volta in Italia, due donne tedesche si sono unite in matrimonio, anche in questo caso in una chiesa valdese. Una celebrazione in italiano e in tedesco, officiata dal pastore della Chiesa valdese di Trapani e Marsala e da altri due pastori, entrambe donne, delle chiese luterana e mennonita. Ai festeggiamenti in quel caso parteciparono duecento ospiti, buona parte dei quali giunti al seguito della coppia dalla Germania.

I valdesi, così come avviene per le altre fedi protestanti, escludono il matrimonio dai sacramenti in quanto "Gesù non ha sposato nessuno". Ecco perché i loro pastori e pastore si limitano a benedire la coppia sancendo così l'unione. (da PalermoToday)
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prime nozze gay: il fatidico "sì" in una chiesa valdese

Today è in caricamento