rotate-mobile
Martedì, 16 Aprile 2024
Città Napoli

Ragazza di 19 anni picchiata con calci e pugni perché non vuole convertirsi all'Islam

Sotto accusa c'è il suo compagno, un 29enne senza fissa dimora, che è stato arrestato dai carabinieri 

Ancora un episodio di maltrattamenti e di intolleranza. Una ragazza etiope di 19 anni a Portici (Napoli) è stata aggredita con calci e pugni perché non voleva convertirsi all'Islam. Sotto accusa c'è il suo compagno, che è stato arrestato dai carabinieri. 

L'uomo ha 29 anni, è originario del Sudan ed è senza fissa dimora. L'aggressione è accaduta all'interno di una comunità religiosa che si occupa anche di assistenzialismo. I militari dell'Arma sono intervenuti dopo che la 19enne ha chiesto aiuto. Secondo quanto ricostruito, episodi analoghi sarebbero avvenuti anche in passato, ma la ragazza non aveva denunciato per paura di ritorsioni. Il 29enne è in carcere, in attesa di giudizio. La giovane è stata portata all'ospedale del mare.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ragazza di 19 anni picchiata con calci e pugni perché non vuole convertirsi all'Islam

Today è in caricamento