rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Famiglia sterminata / Modena

Strage di Sassuolo, un'amica: "Dissi a Elisa di stare attenta all'ex, lei non aveva paura"

Sulla terribile vicenda si esprimono i vicini e gli amici delle vittime

"Lei non aveva paura, era una ragazza molto coraggiosa, si è sempre arrangiata da sola in tutte le situazioni. Lui non ha accettato la fine della relazione. Non mi sarei mai aspettata una cosa del genere", racconta un'amica di Elisa Mulas. La donna di 43 anni, insieme ai due figli di due e cinque anni e alla madre di lei, è tra le vittime della strage di Sassuolo.

Nabil Dharhi, il suo ex convivente di 38 anni, ha sterminato la famiglia prima di togliersi la vita. L'arma utilizzata per compiere gli omicidi sarebbe un coltello da cucina. Scampata al massacro brutale un'altra bambina, di qualche anno più grande, nata da una precedente relazione di Elisa Mulas, che si trovava a scuola.

Nabil Dhahri ed Elisa Mulas non stavano più insieme da tempo. Dhahri è stato per un periodo in Tunisia, ma una volta tornato era solito andare a vedere i bambini anche lì, nella casa del massacro. L'uomo era arrivato al punto di minacciare l'ex compagna di morte, come testimonierebbe una registrazione fatta nei giorni scorsi da Elisa. Questa circostanza è confermata da una vicina di casa: "Non ha accettato la fine della relazione, Elisa mi ha detto che era finita con Nabil qualche giorno fa".

Così lei, insieme ai due figli e a una terza figlia avuta da una precedente relazione e scampata alla strage, da qualche settimana si era trasferita a casa della madre, nell'appartamento dove è avvenuto l'omicidio di quattro persone e il suicidio.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strage di Sassuolo, un'amica: "Dissi a Elisa di stare attenta all'ex, lei non aveva paura"

Today è in caricamento