Domenica, 28 Febbraio 2021
Torino

Incidente Caluso, allarme del Codacons: "I passaggi a livello sono ancora troppi"

"Vanno eliminati del tutto, sostituendoli con sottopassaggi o sopraelevate - dice il presidente Codacons Rienzi - Le Regioni devono intervenire immediatamente"

Due morti, più di venti feriti: sono tutte da stabilire le eventuali responsabilità del tragico incidente al passaggio a livello di Caluso. E' indagato per disastro ferroviario l'autista del tir, che stava effettuando un trasporto eccezionale. 

Codacons: "Troppi passaggi a livello, vanno eliminati"

I passaggi a livello rappresentano un pericolo per la sicurezza ferroviaria e per la pubblica incolumità e vanno eliminati del tutto. Lo afferma il Codacons, intervenendo sullo scontro avvenuto nella notte tra un treno e un tir sulla linea ferroviaria Torino-Ivrea, all'altezza del comune di Caluso.

In base agli ultimi dati ufficiali disponibili, tra il 2005 e il 2016 si sono registrati in Italia quasi 200 incidenti gravi in corrispondenza dei passaggi a livello – spiega il Codacons – Incidenti che hanno prodotto nello stesso periodo ben 189 vittime, una ecatombe inaccettabile e contro la quale non è stato fatto abbastanza. L’ultima relazione dell’Agenzia Nazionale per la Sicurezza Ferroviaria ci dice infatti che sulla rete RFI i passaggi a livello ancora attivi erano ben 4620 al 31.12.2016. Il loro numero è stato ridotto del 53% tra il 1990 e il 2016 (erano 9992) ma ancora non basta e tali attraversamenti continuano a provocare disastri e mietere vittime.

Treno travolge tir fermo sui binari, poi deraglia: due morti e 23 feriti 

“I passaggi a livello sono senza dubbio pericolosi e vanno eliminati del tutto, sostituendoli con sottopassaggi o sopraelevate – afferma il presidente Codacons, Carlo Rienzi – Le autorità competenti e le Regioni devono intervenire immediatamente mettendo a bando i passaggi a livello e obbligando i gestori delle ferrovie a realizzare passaggi alternativi, anche attraverso sanzioni pesantissime”

Fit-Cisl: "Più sicurezza"

"Siamo vicini alle famiglie delle due vittime e auguriamo alla collega capotreno e agli altri feriti una pronta guarigione". Lo dichiara Salvatore Pellecchia, segretario generale aggiunto della Fit-Cisl, in merito all`incidente tra un treno regionale e un tir avvenuto a Caluso.

Incidente ferroviario Caluso: il drammatico racconto di un giovane rimasto illeso

"Vista la gravità della situazione ci aspettiamo in giornata una convocazione straordinaria da Rfi e anche dall`Agenzia nazionale per la sicurezza delle Ferrovie - prosegue Pellecchia - per capire la dinamica del tragico incidente. Chiederemo una ricognizione dei passaggi a livello ancora esistenti sul territorio nazionale e un programma per eliminarli nel più breve tempo possibile attraverso modifiche della viabilità. Laddove esistono piani di soppressione dei passaggi a livello già programmati chiederemo di accelerare i tempi di realizzazione degli interventi, invitando tutti i livelli istituzionali interessati a contribuire fattivamente affinché ciò avvenga".

"Siamo di fronte all'ennesimo infortunio sul lavoro mortale e questo in un paese come il nostro è intollerabile. La sicurezza sui luoghi di lavoro - sottolinea - deve essere una condizione imprescindibile e bisogna lavorare per elevare gli standard di sicurezza nei trasporti e per aumentare i controlli da parte degli enti preposti. Nelle more dell'eliminazione dei passaggi a livello chiederemo all'Ansf e a Rfi di introdurre misure più restrittive per prevenire simili tragedie".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incidente Caluso, allarme del Codacons: "I passaggi a livello sono ancora troppi"

Today è in caricamento