Mercoledì, 16 Giugno 2021
CRONACA / Milano

Tangenti su case vacanze bimbi: arrestato ex dirigente comunale

I fatti nel periodo dell'amministrazione Moratti. L'accusa, per la Finanza, è di corruzione e turbativa d'asta, forse giro di tangenti pagate dagli imprenditori al dirigente del Comune per gli appalti

Oltre 38 milioni di euro per la gestione delle 'case vacanze' a una società che non ne aveva alcun requisito. Con l'accusa di truffa e corruzione sono state arrestate questa mattina a Milano tre persone che all'epoca della Giunta Moratti si occupava di quelle che una volta erano chiamate 'colonie'.

In carcere, tra gli altri, è finito un funzionario del settore famiglia del comune. L'uomo è Patrizio Mercadante, che ai tempi lavorava con l'ex assessore Mariolina Moioli.

Un'ordinanza di custodia cautelare ha colpito anche Dario Zimbelli della Borgunitour, la società turistica che fa a capo all'Ente turistico sociale italiani (Etsi), a sua volta di proprietà della Cisl di Bergamo, e un avvocato milanese.

Nell'inchiesta coordinata dai pm Pradella e Siciliano e dal procuratore aggiunto Alfredo Robledo, con al centro irregolarità nelle gare di appalto di alcune case vacanza per anziani e bambini durante la precedente giunta, viene contestato una mazzetta da centomila euro relativa a consulenze fittizie.

I militari della Guardia di Finanza di Milano oltre agli arresti e alla misura interdittiva stanno effettuando una serie di perquisizioni anche nell'hinterland.

TANGENTI. Secondo i pm Pradella e Siciliano sarebbero stati distribuiti 38 milioni di euro di appalti per la gestione delle case vacanza a una società che non aveva alcun requisito per ottenerle. In cambio al funzionario comunale, che è stato anche responsabile del comitato elettorale dell'ex assessore del Pdl Mariolina Moioli, sarebbero stati versati 100mila euro per consulenze inesistenti.


I FATTI. "La società turistica Borbunitour, con sedi a Bergamo e Treviglio, è finita nel mirino della procura di Milano per fatti avvenuti tra fine maggio e inizio giugno 2011 - ricostruisce il Sole24Ore -. Un anno fa erano già state riscontrate dagli inquirenti una serie di "incongruenze" sui bilanci societari e sulla documentazione presentata dalla società durante la partecipazione ad un bando di gara per la gestione e la ristrutturazione di case vacanze per minori. I dettagli. In particolare, la società turistica avrebbe vinto nel marzo 2011 due appalti, del valore di 28,6 milioni, e poi si sarebbe di nuovo aggiudicata un terzo bando con cui avrebbe ottenuto l'affidamento di servizi integrativi per la gestione delle residente per minori a Pietra Ligure e a Cesenatico. Secondo gli inquirenti però non avrebbe avuto i requisiti per vincere l'appalto, e li avrebbero dichiarati in modo fittizio. A destare i sospetti del procuratore sarebbe stato proprio quest'ultimo affidamento, e da lì le indagini si sarebbero spostate alla gestione complessiva dei servizi sociali di Milano negli ultimi anni. (In collaborazione con Milano Today)

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tangenti su case vacanze bimbi: arrestato ex dirigente comunale

Today è in caricamento