rotate-mobile
Sabato, 25 Maggio 2024
Si temono disordini / Napoli

Tensione a Napoli, centinaia di tifosi tedeschi senza biglietto. Scontri con la polizia: bruciata un'auto

Per il ritorno degli ottavi di finale di Champions League stasera al Maradona tra Napoli e Eintracht Francoforte migliaia di supporter tedeschi sono arrivati a Napoli senza tagliando per entrare allo stadio. Nel pomeriggio tafferugli in centro

Tensione a Napoli per la partita di ritorno degli ottavi di finale di Champions League tra Napoli ed Eintracht Francoforte. Nonostante i tifosi tedeschi non abbiano a disposizione alcun biglietto per la partita di questa sera, molti sostenitori della squadra ospite si sono messi comunque in viaggio verso l'Italia. Infatti i residenti a Francoforte non potranno entrare al Maradona questa sera, e comunque, in segno di protesta con la decisione dei giudici che aveva in un primo momento vietato la trasferta ai propri tifosi, il club tedesco ha rinunciato alla propria dotazione di biglietti. 

napoli scontri

Gli scontri del pomeriggio

Nel pomeriggio sono iniziati una serie di scontri nel centro storico di Napoli, dove da diverse ore stazionava parte dei tifosi dell'Eintracht Francoforte. I tifosi tedeschi erano arrivati a piazza del Gesù Nuovo al termine di un lungo corteo che ha attraversato prima il lungomare e poi diverse strade del centro. Alcuni pullman dell'Anm, azienda dei trasporti del Comune di Napoli, erano stati messi a disposizione dei tifosi tedeschi per rientrare in albergo ma i supporter dell'Eintracht hanno rifiutato di salire a bordo. La tensione è sfociata in una vera e propria guerriglia urbana quando sono comparsi diverse decine di facinorosi con il volto coperto che hanno ingaggiato uno scontro con loro, con la Polizia, in assetto antisommossa, impegnata a dividere le fazioni e a disperdere gli ultras. Incendiata anche un'auto della Polizia che è stata incendiata. Gesto condannato dal ministro degli Esteri Antonio Tajani, che su Twitter ha scritto: "Tutta la mia solidarietà alle forze dell'ordine e alla città di Napoli per questi gravi episodi di violenza. Il divieto di vendita dei biglietti ai tifosi dell'Eintracht Francoforte non era un atto discriminatorio. Spero che questi criminali vengano consegnati alla giustizia". Anche dalla Germania arriva una dura reprimenda per i tifosi del club tedesco."Questa violenza, stasera, va condannata nel modo più assoluto. I violenti e i teppisti distruggono lo sport", ha scritto la ministra dell'Interno tedesca, Nancy Faeser, su Twitter.

Poi, finalmente è iniziato il trasferimento dei tifosi tedeschi che sono stati fatti salire su alcuni bus del servizio pubblico che stanno per lasciare Piazza del Gesù, dove si sono verificati scontri. Protetti da un cordone di polizia i supporter dell'Eintracht vengono diretti per il momento verso la zona di via Medina. Comunque durante il passaggio degli autobus in via Monteoliveto, gli autobus con a bordo i tifosi dell'Eintracht Francoforte sono stati fatti oggetto di lancio di pietre e bottiglie da parte di ultras napoletani assiepati lungo la strada. Il vetro di uno degli autobus si è scheggiato.

La mattinata a Napoli

Questa mattina i tifosi dell'Eintracht presenti a Napoli si sono mossi in corteo prima sul lungomare cittadino e poi nelle strade del centro. I tifosi tedeschi, diverse centinaia tra i quali sono presenti anche alcuni ultras dell'Atalanta gemellati con quelli dell'Eintracht, hanno attraversato piazza Municipio e via Medina per raggiungere infine piazza del Gesù. Massiccia la presenza delle forze dell'ordine che hanno scortato il corteo. Al momento non si registrano incidenti di alcun tipo.

L'arrivo dei tedeschi in città

Ieri sera, intorno a mezzanotte e mezza circa dieci uomini con volto coperto e vestiti di nero hanno lanciato bottiglie di vetro con un bar di piazza Bellini, nel centro di Napoli. Sul posto sono intervenuti i Carabinieri del nucleo radiomobile di Napoli, allertati dai militari dell'Esercito di vigilanza in piazza. Da una prima ricostruzione, sarebbe emerso che nel gruppo vi fossero diversi ultras della squadra di calcio dell'Eintracht Francoforte, impegnata stasera nella partita degli ottavi di Champions League contro il Napoli. Non risultano feriti.


Il bar, al momento del lancio delle bottiglie, era chiuso. I Carabinieri indagano per identificare le persone coinvolte. Sono alcune centinaia i tifosi dell'Eintracht Francoforte giunti a Napoli ieri sera, nonostante il divieto di vendita dei biglietti per la partita disposto dalla Prefettura per i residenti nella città di Francoforte.

Il lancio di bottiglie da parte di alcuni ultras dell'Eintracht Francoforte contro il bar a piazza Bellini, in quel momento chiuso, non è stato l'unico momento di tensione registrato ieri sera a Napoli, dove diverse centinaia di tifosi tedeschi sono giunti nonostante il divieto di vendita dei biglietti per la partita di Champions League disposto dalla Prefettura per i residenti a Francoforte.

Durante il trasferimento dei tifosi tedeschi dalla stazione di Napoli Centrale agli alberghi nei quali risiedono, effettuato ieri sera a bordo di bus messi a disposizione da Anm e scortati dalle forze dell'ordine, lungo via Amerigo Vespucci un gruppo di persone a volto coperto ha lanciato fumogeni e altri oggetti contro i bus, che comunque non hanno arrestato la loro marcia. L'azione è stata ripresa in un video da un cittadino, poi pubblicato e diffuso sui social network. Anche in questa circostanza, come in quella di piazza Bellini, non si sono registrati feriti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tensione a Napoli, centinaia di tifosi tedeschi senza biglietto. Scontri con la polizia: bruciata un'auto

Today è in caricamento