rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
La sentenza / Ravenna

Omicidio Ilenia Fabbri, ergastolo per l'ex marito e il sicario

La 46enne è stata uccisa il 6 febbraio del 2021 nel suo appartamento. Carcere a vita per l'ex, ritenuto il mandante, e per Pierluigi Barbieri alias "Lo Zingaro"

Ergastolo per entrambi gli imputati nel processo per l'omicidio di Ilenia Fabbri, la 46enne uccisa il 6 febbraio 2021 nel suo appartamento di via Corbara a Faenza. Riconosciuti colpevoli di concorso in omicidio pluriaggravato l'ex marito Claudio Nanni, 55enne inquadrato quale mandante del delitto, e il sicario reo confesso Pierluigi Barbieri, alias 'lo Zingaro', 54enne originario di Cervia ma domiciliato nel Reggiano. 

Carcere a vita

Come racconta RavennaToday, la Corte d'Assise del Tribunale di Ravenna, dopo oltre tre ore di camera di consiglio, ha deciso sulle imputazioni mosse all'ex marito e a colui che fin da subito ha confessato di essere l'assassinio della donna. Nanni si è sempre dichiarato innocente, tanto che il suo avvocato Francesco Furnari aveva chiesto di assolverlo dall'accusa di omicidio o di riformularla in tentata estorsione, mentre il difensore di Barbieri, Marco Gramiacci, aveva chiesto per il suo cliente 21 anni per differenziare le due pene in virtù dell'atteggiamento collaborativo dell'imputato.

I giudici togati e popolari della Corte d'Assise, presieduti dal giudice Michele Leoni affiancato dalla collega Antonella Guidomei, alla fine hanno accolto la richiesta del pubblico ministero Angela Scorza e del procuratore capo Daniele Barberini di condannare entrambi all'ergastolo. Barbieri ha ascoltato il presidente pronunciare la condanna a vita in piedi, Nanni seduto a testa bassa.

Secondo il dispositivo della Corte (la sentenza completa sarà resa disponibile tra 90 giorni), Nanni inoltre non potrà succedere all'ex moglie nell'eredità, oltre a questo la figlia Arianna dovrà essere risarcita per due milioni di euro, cifra richiesta dal suo avvocato Veronica Valeriani, ed è stato disposto anche il dissequestro della casa di via Corbara. Per quanto riguarda i risarcimenti alle parti civili ammesse, è stato disposto un risarcimento nei confronti di padre, zia e nuovo compagno (Stefano Tabanelli) di Ilenia per oltre 9000 euro, oltre a 6000 euro per le altre parti civili.

Le reazioni

"Quando c'è una condanna all'ergastolo non c'è mai soddisfazione - commenta il dispositivo il procuratore capo Daniele Barberini - E' sempre una tragedia per tutti. In ogni caso la raccolta delle prove ha trovato conferma in questa sentenza". "Il diritto è venuto a combaciare con un criterio di giustizia - aggiunge il pubblico ministero Angela Scorza - E' stato un lavoro complesso in fase di indagini, la squadra mobile ha lavorato benissimo e in un anno o poco più siamo arrivati alla sentenza di primo grado, credo sia una cosa rara".

"Non ci può essere soddisfazione per la sentenza - commenta invece l'avvocato di Arianna, Veronica Valeriani - Torno a dire che Arianna è un'orfana speciale. Il padre pagherà per ciò che ha fatto. Siamo soddisfatti che la richiesta di risarcimento sia stata accettata in toto e anche del fatto che Nanni sia stato dichiarato indegno a succedere a Ilenia".

L'avvocato di Barbieri, Marco Gramiacci, nel ritenersi "non soddisfatto" dalla sentenza, ha già annunciato che, una volta uscita le motivazioni della sentenza completapresenterà ricorso in appello.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio Ilenia Fabbri, ergastolo per l'ex marito e il sicario

Today è in caricamento