rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Cronaca Roma

Picchiano il tassista per rubargli l'auto, ma non riescono a metterla in moto

I fatti a Montespaccato, periferia est di Roma. Uno degli aggressori, 25 anni, è stato bloccato grazie all'aiuto dei residenti. In fuga gli altri due

Preso a calci e pugni da tre malviventi che poi hanno provato a anche a rubargli il taxi. I fatti a Montespaccato, periferia est di Roma, all’alba di lunedì 17 febbraio. Vittima del pestaggio un tassista della Capitale medicato in ospedale con una prognosi di sette giorni. 

Tutto è iniziato in via Casilina, quando a bordo del taxi sono saliti quattro clienti: una donna e tre uomini sudamericani. Una volta arrivati a destinazione, in via Gattinara, la donna è scesa, ma invece di pagare la corsa è salita in casa per prendere i soldi lasciando i suoi amici in auto. A quel punto, secondo la ricostruzione di RomaToday, l’uomo è stato malmenato e poi costretto a scendere dal taxi. Il branco avrebbe quindi tentato di rubare anche l’auto, senza però riuscire a farla partire essendo la vettura una ibrida. Il tassista, sotto choc, ha così iniziato ad urlare chiedendo aiuto per almeno 30 minuti e attirando l'attenzione di alcune persone che passavano in zona con la propria auto.

Uno degli aggressori è stato bloccato proprio grazie all'aiuto dei cittadini intervenuti. Si tratta di un 25enne dell'Ecuador: dovrà rispondere di lesioni, rapina, interruzione di pubblico servizio e resistenza a pubblico ufficiale. Gli altri due aggressori sono riusciti a fuggire. Non è escluso che la donna e i tre uomini stessero discutendo su chi dovesse pagare la corsa e che le loro attenzioni si siano poi concentrate sulla vittima.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Picchiano il tassista per rubargli l'auto, ma non riescono a metterla in moto

Today è in caricamento